rotate-mobile
Domenica, 5 Febbraio 2023
Grande (quasi) come la Terra

Il telescopio Webb ha scoperto il suo primo esopianeta

Il telescopio spaziale è stato utilizzato per individuare un pianeta extrasolare, che ruota attorno ad una stella diversa dal Sole. Distante 41 anni luce è grande quasi quanto la Terra

Dopo aver scattato foto incredibili durante il suo viaggio nel cosmo, il telescopio James Webb è stato utilizzato per la prima volta per confermare la presenza di un esopianeta. Classificato come Lhs 475 b, il primo pianeta scoperto ha delle dimensioni molto simili a quelle della Terra. La notizia è stata annunciata dalla Nasa e dall'Esa, l'Agenzia Spaziale Europea: i ricercatori hanno confermato la presenza di un pianeta extrasolare, un pianeta che orbita attorno a un'altra stella diversa dal Sole, utilizzando per la prima volta il telescopio spaziale James Webb di Nasa, Esa e Csa. Formalmente classificato come Lhs 475 b, il pianeta ha quasi esattamente le stesse dimensioni del nostro, con un clock pari al 99% del diametro terrestre.

Il gruppo di ricerca è guidato da Kevin Stevenson e Jacob Lustig-Yaeger, entrambi del laboratorio di fisica applicata della Johns Hopkins University a Laurel, nel Maryland, ed il team ha scelto di osservare questo obiettivo con Webb dopo aver esaminato attentamente i dati del Transiting Exoplanet Survey Satellite della Nasa, che suggerivano l'esistenza del pianeta. Lo spettrografo nel vicino infrarosso (NirSpec) di Webb ha catturato il pianeta in modo semplice e chiaro con solo due osservazioni di transito. "Non c'è dubbio che il pianeta sia lì. I dati incontaminati di Webb lo convalidano" ha affermato Lustig-Yaeger. "Il fatto che sia anche un piccolo pianeta roccioso è impressionante per l'osservatorio" ha aggiunto Stevenson.

"Questi primi risultati osservativi da un pianeta roccioso delle dimensioni della Terra aprono la porta a molte possibilità future per studiare le atmosfere dei pianeti rocciosi con Webb", ha concordato Mark Clampin, direttore della divisione di astrofisica presso il quartier generale della NASA a Washington. "Webb ci sta avvicinando sempre di più a una nuova comprensione dei mondi simili alla Terra al di fuori del Sistema Solare, e la missione è solo all'inizio".

L'Esa sottolinea che tra tutti i telescopi operativi, solo Webb è in grado di caratterizzare le atmosfere degli esopianeti delle dimensioni della Terra. Il team ha tentato di valutare cosa c'è nell'atmosfera del pianeta analizzando il suo spettro di trasmissione. Sebbene i dati mostrino che si tratta di un pianeta terrestre delle dimensioni della Terra, non si sa ancora se abbia un'atmosfera.

"I dati dell'osservatorio sono bellissimi" ha commentato Erin May, anche lei del laboratorio di fisica applicata della Johns Hopkins University. "Il telescopio è così sensibile - ha osservato la scienziata- che può facilmente rilevare una serie di molecole, ma non possiamo ancora trarre conclusioni definitive sull'atmosfera del pianeta".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il telescopio Webb ha scoperto il suo primo esopianeta

Today è in caricamento