rotate-mobile
Giovedì, 20 Giugno 2024
Specie invasiva

Vermocane, nei mari del Sud Italia è invasione: se li spezzi in due si rigenerano

Le ondate di calore degli ultimi anni hanno fatto moltiplicare gli esemplari di questa particolare tipologia di vermi marini tra Sicilia, Puglia e Calabria. Una specie invasiva che ha messo in allarme gli esperti dell'Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale

Carnivori e voraci, dall'aspetto colorato ma con migliaia di aculei urticanti, non hanno nemici e se li spezzi in due si rigenerano. Non sono creature aliene protagoniste di un film di fantascienza, ma i vermocane, conosciuti anche come vermi del fuoco o vermi di mare. Negli ultimi anni questi temutissimi esemplari si sono moltiplicati a causa delle ondate di calore estive, invadendo i litorali del Sud Italia, tra Sicilia, Puglia e Calabria.

La forte presenza dei vermocane li ha resi una specie invasiva, minacciosa per gli animali che vivono nelle riserve naturali marine, compresi i coralli, e per il lavoro dei pescatori. Per questo sono nel mirino dei biologi del laboratorio dell'Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale (Ogs) attivo a Panarea e a Milazzo.

Cosa sono i vermocane

I vermocane, il cui nome scientifico è Hermodice carunculata, hanno nelle setole tossine urticanti che generano edemi, pruriti e febbri. L'esperta Michela D'Alessandro, insieme ai colleghi Valentina Esposito e Marco Graziani, sta studiando questa specie, che fino a poco tempo fa era nota per essere numerosa solo nel canale di Suez: "Lo studio dei vermocane è un progetto dell'Ogs, nato sulla scia delle segnalazioni dei pescatori".

Un esemplare di vermoncane, Hermodice carunculata (Foto da Wikipedia)

Sempre più frequentemente, infatti, i pescatori trovano i pesci presi nelle reti uccisi da questi animali inarrestabili, lunghi in media 20 centimetri e che in qualche caso possono raggiungere il metro. Frequenti anche le ferite nei pescatori, che spesso sono costretti a ricorrere al cortisone. I vermocane hanno raggiunto anche scogli e spiagge e per mettere in guardia dai possibili danni, i biologi dell'Ogs hanno promosso una campagna di informazione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vermocane, nei mari del Sud Italia è invasione: se li spezzi in due si rigenerano

Today è in caricamento