Giovedì, 3 Dicembre 2020

Concorso scuola, Lega e Pd contro Azzolina: "Farlo ora con i contagi che crescono è una follia"

Il segretario della Lega Matteo Salvini e l'ex presidente dem Matteo Orfini tornano a chiedere di rinviare la prova. La ministra Azzolina va avanti e assicura “rigidi protocolli di sicurezza”

Un concorso per migliaia di docenti in questo momento è "una follia". Due opposti schieramenti, stessa visione, quella di Matteo Orfini e Matteo Salvini. In una nota diffusa l'esponente democratico è tornato a chiedere di rinviare il concorso straordinario per docenti. Una questione che vede da tempo il Pd su fronti opposti rispetto alla ministra dell'Istruzione Azzolina e al Movimento 5 stelle. 

“Il dato dei contagi cresce ogni giorno. Giustamente il governo sta assumendo iniziative importanti per limitare i rischi e scongiurare un nuovo lockdown. In queste condizioni una riflessione sul concorso per i precari della scuola dovrebbe essere d’obbligo”, dice Orfini, aggiungendo: "“Davvero non ha alcun senso svolgerlo in questa situazione. Quando scegliemmo di rinviarlo fu esattamente perché eravamo in piena pandemia. Ora che il virus è tornato a circolare come si può far finta di niente? Il governo ascolti il mondo della scuola e rinvii questa follia” perché “davvero non ha alcun senso svolgerlo in questa situazione”.

La pensa così e usa anche lui il termine “follia” Matteo Salvini.  "Mentre i contagi aumentano e la Campania chiude le scuole, il ministro Azzolina conferma un ‘concorso’ che la settimana prossima coinvolgerà 66.000 insegnanti che lasceranno le loro classi e gireranno per le Regioni. Una follia, che si fermi!", dice il leader della Lega. 

Azzolina rassicura: "Rigidi protocolli di sicurezza"

Ospite del TgLa7 qualche giorno fa, la ministra Azzolina aveva ribadito l’intenzione di andare avanti. “Abbiamo dei rigidi protocolli di sicurezza e 10 candidati per aula. Igienizzanti, guanti e più di un metro di distanza. Noi questo concorso lo distribuiremo nel tempo, e avremo più di 20mila aule a disposizione”, aveva detto Azzolina, parlando delle modalità di svolgimento del concorso straordinario che inizierà dal 22 ottobre. “Abbiamo bisogno di garantire la qualita’ dell’insegnamento - aveva poi aggiunto Azzolina- Fare l’insegnante non deve essere un ripiego. Abbiamo bisogno di giovani”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Concorso scuola, Lega e Pd contro Azzolina: "Farlo ora con i contagi che crescono è una follia"

Today è in caricamento