Mercoledì, 25 Novembre 2020

Scuola, c'è la data del concorso straordinario: ma quanti dubbi su quarantena e spostamenti

Si parte il 22 ottobre per poi proseguire nelle settimane successive. I dubbi dei sindacati

Finalmente c'è la data: il 22 ottobre è il giorno scelto dal ministero dell'Istruzione per iniziare la prova del concorso straordinario per la scuola. E' quanto è emerso al termine dell'incontro tra i sindacati e il ministero. Le prove si terranno fino al 9 novembre. Il concorso straordinario per 2mila posti è rivolto ai precari che hanno svolto almeno tre anni di servizio, e ha visto la presentazione di 64mila domande.

La partenza del concorso è quindi prevista per il 22 ottobre per poi proseguire nelle settimane successive. La prova del concorso sarà composta da cinque quesiti a risposta aperta e da un quesito in lingua inglese.

Il ministero sta lavorando all'organizzazione della prova, che si svolgerà nelle sale informatiche degli istituti coinvolti e in alcune aule universitarie. Chi avra' una temperatura superiore a 37,5 gradi non potra' accedere all'interno dei locali, dove sara' rispettata la norma del distanziamento fisico. Per i candidati in quarantena non è prevista per ora una prova suppletiva.

Concorso straordinario scuola: il numero di domande per classe di concorso e regione

Concorso scuola: come farà chi è in quarantena?

"Ci saranno problemi per coloro che dovessero trovarsi in quarantena e vogliono fare il concorso: per ora non ci sono risposte dal Ministero, bisogna vedere quali misure di sicurezza vengono messe in campo" dice all'ANSA Maddalena Gissi, leader della Cisl Scuola.

Le criticità a meno di un mese dal via sono tante. Le risposte poche per adesso. Altri quesiti che pongono i sindacati a proposito dell'imminente concorso straordinario riguardano infatti chi ha fatto domanda per partecipare al concorso, è nelle graduatorie e sta insegnando: come fa a spostarsi per il concorso? Si lascia la cattedra scoperta? Pochissimi, lamenta poi la sindacalista, sono i posti sul sostegno: sono solo 2600 le domande pervenute "ma ci sono decine di migliaia di posti di sostegno che potevano essere dati a chi ha il titolo ma non ha i tre anni di anzianità. Il ministero insomma non ha voluto accettare alcuna corsia privilegiata per garantire l'avvio dell'anno scolastico". E per Gissi sarà complicatissimo anche solo pensare al concorso ordinario: "sarà difficile già solo per trovare gli ambienti dove farle la prova preselettiva, sono oltre 500 mila le domande arrivate. Nel frattempo arrivano altri 50 mila pensionamenti".

Concorsi nel mondo della sanità: un bando per l'assunzione (a tempo indeterminato) di 54 infermieri

Allegati

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scuola, c'è la data del concorso straordinario: ma quanti dubbi su quarantena e spostamenti

Today è in caricamento