"Introduciamo l'infermiere scolastico": chi è e che cosa farebbe

Dal Nursing Up, Sindacato Infermieri Italiani, arriva una proposta lungimirante per il governo: aprire le porte delle scuole agli infermieri, accanto ai bambini, accanto agli studenti, come una figura strutturata

Nuovi spazi di intervento degli infermieri possono realisticamente essere un gran vantaggio per i cittadini in vari aspetti della nostra vita sociale e di comunità. A partire dalla scuola. Dal Nursing Up, Sindacato Infermieri Italiani, arriva una proposta lungimirante per il governo: aprire le porte delle scuole agli infermieri, accanto ai bambini, accanto agli studenti, come una figura strutturata, con un ruolo specifico, non solo di supporto sanitario ma anche come figura di educatori per le nuove generazioni, per fra crescere cittadini informati e consapevoli.

"Siamo sempre pronti a nuove battaglie - dice il presidente De Palma - non ci fermiamo mai, e allora alla luce di quanto è accaduto e sta accadendo, riteniamo che già da settembre qualcuno dovrebbe preoccuparsi di introdurre, gradualmente, nelle scuole primarie e secondarie, la figura dell'infermiere. L'infermiere scolastico - dice De Palma - non è certo una novità assoluta. All'estero è presente da tempo, ci sono molti paesi che hanno nel corpo docente un infermiere professionista. Non ci dimentichiamo che i nostri hanno tanto di laurea, non hanno nulla da invidiare a tanti colleghi europei, e il loro livello culturale, oltre che le loro conoscenze in materia sanitaria, li metterebbero nella condizione di svolgere funzione docente e supportare gli istituti nelle attività di educazione sanitaria e prevenzione a 360 gradi".

 "E' più che coerente - continua De Palma - che accanto all'infermiere di famiglia venga implementata e sostenuta quella dell'infermiere scolastico, da impiegare nelle attività educative destinate ai giovani. E' qui, nelle scuole, "teatro" non solo di apprendimento ma di crescita sociale, che sarebbe opportuno introdurre una figura chiave come quella dell'infermiere, e lo si potrebbe fare già da settembre, sia per supportare gli studenti nella loro ripresa delle attività, dopo mesi di isolamento, seguendoli passo per passo in un percorso di formazione e conoscenza di tutte le regole di contrasto al diffondersi delle principali tipologie di malattie contagiose e diffusive, sia per fornire una vera propria formazione in educazione sanitaria, quella che manca negli istituti scolastici, quella che è fondamento per diventare cittadini informati e responsabili. Mi riferisco alle norme basilari di pronto soccorso, alla civica responsabilità sociale che ognuno di noi ha nel tutelare la propria salute e quella collettiva, cose che si dovrebbero apprendere dai primi anni di vita. Mi immagino una Italia dove finalmente l'infermiere, al pari del medico, insegni ai ragazzi la "cultura della salute". Da tempo chiediamo ai Governi che si sono susseguiti, di modificare le regole e i contenuti dei programmi di studio e i criteri di reclutamento del corpo docente nelle scuole di ogni ordine e grado, e che ancora oggi, incomprensibilmente, non colgono l'opportunità di impiegare gli infermieri con laurea di primo livello in ruoli di insegnamento confacenti rispetto alle loro conoscenze. Penso poi ai bambini in difficoltà, ai portatori di handicap, agli studenti con patologie croniche: avere il supporto di un infermiere anche in ambito scolastico, vorrebbe dire tutelare e difendere il loro diritto allo studio".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Certo è che la presenza di un infermiere dentro alle scuole sarebbe importante non solo per assicurare il rispetto delle misure di prevenzione e contenimento anti-Covid-19, ma anche per tutte le patologie delle comunità.

Una scuola possibile: idee da tutto il mondo (Italia compresa) per affrontare l'emergenza e ripartire

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Arriva il caldo, quello vero: allerta in 10 città ma il weekend subirà un'irruzione atlantica

  • Angelica Donati, figlia di Milly Carlucci, ottiene una carica istituzionale da record

  • Estrazioni Lotto oggi e numeri SuperEnalotto di sabato 1 agosto 2020

  • Giro d'Italia 2020, tutte le tappe: altimetria, calendario e percorso

  • Elezioni regionali 2020: tutti gli ultimi sondaggi e le ultime notizie

  • Uomini e Donne, l'ex tronista Ludovica Valli: "Sto male, analisi costanti ma mi fido dei medici"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Today è in caricamento