Mercoledì, 24 Febbraio 2021

Maturità 2018, che cosa si può fare (e cosa no) durante l'Esame di Stato

Il MIUR ha diffuso la circolare relativa agli adempimenti di carattere operativo e organizzativo per lo svolgimento delle prove di giugno

Si avvicina l'esame di maturità. Prosegue la fase organizzativa della maturità 2018, già entrata nel vivo con l'emanazione dell'Ordinanza annuale lo scorso 2 maggio che rappresenta una sorta di 'manuale operativo' per le commissioni. Oggi un nuovo passaggio: il MIUR ha diffuso la circolare relativa agli adempimenti di carattere operativo e organizzativo per lo svolgimento delle prove di giugno. Vale a dire, tutto quello che c'è da sapere su cosa si può fare e cosa non si può fare mentre sono in corso gli Esami. La circolare è stata emanata oggi, in concomitanza con la Conferenza Nazionale dei Dirigenti Tecnici e dei componenti le task-force regionali che gestiranno tutte le fasi della Maturità.

Maturità 2018, vietata qualsiasi apparecchiatura elettronica

Confermato il divieto tassativo per i maturandi, nei giorni delle prove scritte, di utilizzare cellulari, smartphone, PC e qualsiasi altra apparecchiatura elettronica in grado di accedere alla rete o riprodurre file e immagini, pena l'esclusione dall'Esame. Dallo scorso anno, come ricordato anche nell'Ordinanza del 2 maggio, vengono fornite indicazioni sull'uso delle calcolatrici scientifiche e/o grafiche nella seconda prova. Quelle ammissibili sono state rese note con una circolare di marzo e chi vorrà usarle dovrà consegnarle il giorno della prima prova scritta per consentire alla commissione d'esame i necessari controlli.

Totoesame Maturità 2018: tutte le possibili tracce della prima prova 

Maturità 2018 accesso a internet

Nei giorni della prima, della seconda e dell'eventuale quarta prova scritta, quelle inviate con plico telematico, fino all'avvenuta stampa delle tracce, l'accesso a internet sarà riservato ai computer utilizzati dal dirigente scolastico o da chi ne fa le veci, dal direttore dei servizi generali e amministrativi (se autorizzato dal dirigente), dal referente o dai referenti di sede. Sono previste modalità speciali per l'invio, mediante plico telematico o, in via eccezionale, cartaceo, delle prove per candidate e candidati con disabilità visive e per coloro che sostengono l'esame presso sezioni carcerarie od ospedaliere.

Ad oggi sono 509.307 gli studenti iscritti all'Esame, fatti salvi gli esiti degli scrutini finali. Di questi, 492.698 sono candidati interni. Sono 25.606 sono le classi coinvolte nell'Esame, 12.865 le commissioni.

Le date della maturità 2018

La prima riunione plenaria delle commissioni è fissata per lunedì 18 giugno, alle ore 8.30. La prima prova scritta, italiano, avrà luogo mercoledì 20 giugno alle ore 8.30, per una durata massima di 6 ore. La seconda prova è in calendario giovedì 21 giugno alle ore 8.30. La durata dipende dalle discipline che caratterizzano gli indirizzi ed è variabile dalle 4 alle 8 ore, tranne che per alcuni indirizzi, come i Licei musicali, coreutici e artistici, dove la prova può svolgersi in due o più giorni. La terza prova, assegnata da ciascuna commissione d'esame, è in calendario lunedì 25 giugno, a partire dalle ore 8.30.

Esami di Maturità 2018: data di inizio, commissioni e materie delle prove 

La quarta prova, che si effettua nei Licei e negli Istituti tecnici presso i quali sono presenti i progetti sperimentali di doppio diploma italo-francese Esabac ed Esabac Techno e nei Licei con sezioni ad opzione internazionale spagnola, tedesca e cinese, è programmata per giovedì 28 giugno alle 8.30. Gli studenti candidati per gli indirizzi di studio Esabac sono 7.688, tutti interni, seguiti da 283 commissioni. Per gli indirizzi di studio Esabac Techno i candidati sono 327, tutti interni, seguiti da 20 commissioni.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maturità 2018, che cosa si può fare (e cosa no) durante l'Esame di Stato

Today è in caricamento