Venerdì, 7 Maggio 2021
Roma

Coronavirus al Marymount: i primi studenti finiti in quarantena a Roma

Ieri prima del terzo giorno di scuola quando è arrivata una mail che informava che un’alunna dell’ultimo anno era positiva al Coronavirus. Oggi l'Unità di Crisi del Lazio ridimensiona l'emergenza

Il liceo Marymonut a Roma

L'Unità di Crisi Covid-19 della Regione Lazio comunica che sono nove gli studenti della Marymount International, scuola di Roma, in quarantena: "A fronte di un iniziale elenco di 65 persone prodotto dalla scuola, le interviste hanno permesso di circoscrivere a 9 studenti i contatti a rischio. I ragazzi sono stati posti in quarantena ed in sorveglianza sanitaria". 

Marymount: i primi studenti finiti in quarantena a Roma

"Il Servizio di Igiene e Sanità Pubblica è intervenuto per avviare l'azione di contact tracing in collaborazione con i responsabili didattici e sanitari dell'istituto. Sono stati intervistati tutti i possibili contatti per ricostruire i movimenti e individuare tempi e modalità di interazione con il caso indice", dice ancora il comunicato. Questi ragazzi, precisa l'Unità di crisi, "saranno seguiti dalla Asl con il supporto del medico della scuola e effettueranno gli accertamenti necessari nei tempi e con le modalità previste dalle linee guida ministeriali. La Marymount International assicurerà loro la didattica a distanza per il tempo necessario. Nessuno dei docenti è stato invece qualificato come contatto a rischio, in relazione ai tempi e alle modalita' dell'interazione con il positivo. L'efficacia dell'intervento - conclude l'Unita' di crisi - è stata garantita dalla stretta e tempestiva collaborazione tra la scuola e il Sisp Asl Roma 1, che continuerà a tenere in sorveglianza sanitaria l'istituto, mentre l'attività didattica proseguirà regolarmente".

Ieri i ragazzi si stavano preparando per il terzo giorno di scuola quando, alle 6.50, è arrivata una mail che informava che un’alunna dell’ultimo anno, il “grade twelve”, è risultata positiva al Coronavirus. Sessanta studenti e i loro docenti sono stati invitati a rimanere a casa, mentre gli altri sono andati regolarmente perché, come la scuola affermava, le stringenti misure anti-virus hanno permesso di isolare il cluster e di sapere che non c’erano stati contatti con le altre classi. Repubblica Roma ha scritto oggi che già ieri mattina sono iniziate le videolezioni e poi, nel pomeriggio, gli studenti insieme hanno scritto una mail alla dirigenza scolastica lamentando come, secondo loro, ci fossero alcune falle nelle procedure.

Partendo dagli spazi delle pause, troppo angusti, a una superficialità nei controlli: qualcuno dice che la studentessa aveva fatto il tampone ma ancora non aveva l’esito quando è rientrata a scuola. Non solo: nella mail si segnalavano anche amiche di altre classi con le quali la giovanissima, di origini spagnole, era in rapporti. In allarme anche i genitori dei ragazzi delle altre classi, in particolare i più piccoli: il Marymount va dalle elementari al liceo.

Le chat di classe sono erano impazzite: chi si preoccupava, chi chiedeva delucidazioni o rassicurazioni, chi ha già deciso di autoisolarsi in via preventiva. Alcune mamme e papà se la sono presa con la scuola che, a loro dire, permettendo alla giovanissima di tornare a scuola senza l’esito del tampone ha peccato di superficialità. Mentre altri genitori si sono detti soddisfatti dei protocolli seguiti dall’istituto dove sono segnati percorsi obbligati per andare in classe, in bagno o alla mensa.

Pronti, via: primo caso di positivo in una scuola a Roma, liceali e insegnanti in quarantena

Continua a leggere su Today.it

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus al Marymount: i primi studenti finiti in quarantena a Roma

Today è in caricamento