rotate-mobile
Lunedì, 20 Maggio 2024
Scuola Napoli

Ragazza sospesa per aver criticato la scuola su Facebook: protestano gli studenti

L'ufficio scolastico regionale ha nominato subito un ispettore per monitorare la situazione nell'istituto

Una studentessa è stata sospesa per aver pubblicato un post su Facebook in cui criticava la gestione della sua scuola. E' successo nel liceo classico Quinto Orazio Flacco di Portici, dove gli studenti hanno protestato contro il provvedimento preso dalla presidenza, come ha ricostruito Vincenzo Sbrizzi su NapoliToday. Secondo i ragazzi in questo modo vengono negati alla ragazza sia il diritto allo studio sia il diritto ad esprimere la propria opinione all'interno del contesto scolastico. 

Intanto l'ufficio scolastico regionale della Campania ha nominato un ispettore per monitorare la situazione nel liceo classico di Portici. La dirigente dell'ufficio, Luisa Franzese, in un'intervista a Il Mattino, ha dichiarato: "L'educazione e il rispetto vanno sempre salvaguardati. Ma quel commento è stato fatto al di fuori dell'ambito strettamente scolastico". La sospensione per la Franzese è "un atto pesante, una sorta di punizione esemplare. Per questo la situazione sarà valutata da un nostro ispettore". La dirigente si è detta poi "inquietata" dal "pensiero espresso dalla ragazza punita e dalle centinaia di suoi compagni che ieri hanno manifestato", cioè dal fatto che "gli studenti mostrano disagio. Scontento, addirittura infelicità".

La giovane aveva, con un lungo post, criticato la visione che veniva data sui social media dell'istituto, descritto come un contesto felice e nascondendo le reali difficoltà che alunni e professori si trovano a vivere tutti i giorni nel corso dell'attività didattica.

A protestare contro la sospensione sono stati sia gli studenti del Quinto Orazio Flacco sia i "colleghi" dell'istituto scientifico Silvestri. Gli studenti hanno richiesto un immediato confronto con la direzione del liceo e con il collegio docenti. 

La notizia su NapoliToday
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ragazza sospesa per aver criticato la scuola su Facebook: protestano gli studenti

Today è in caricamento