Cambia l'esame di terza media: addio al "tema classico", ora si punta sui riassunti

La novità è contenuta nel “Documento di orientamento per la redazione della prova d’italiano nell’Esame di Stato conclusivo del primo ciclo"

Esame di terza media, questo è l'anno delle novità. A giugno gli studenti si troveranno ad affrontare infatti una prova scritta di italiano completamente ristrutturata e diranno addio al "tema letterario" perché avranno la possibilità di scegliere tra tre opzioni che lo hanno sostituito: un testo narrativo o descrittivo; un testo argomentativo; una comprensione e sintesi di un testo, anche mediante richiesta di riformulazione

La novità è contenuta nel “Documento di orientamento per la redazione della prova d’italiano nell’Esame di Stato conclusivo del primo ciclo", le linee guida per i docenti stilate dalla commissione guidata da Luca Serianni, uno dei maggiori linguisti italiani. I professori, partendo da questi suggerimenti, dovranno organizzare la preparazione degli studenti per l'esame di terza media, che già da mesi però si stanno già esercitando in vista.

Esame di terza media, tutte le novità

Lo scorso 3 ottobre è stato firmato il decreto ministeriale che ha riformato l'esame del primo ciclo, secondo quanto previsto dal decreto di riforma della valutazione varato ad aprile in attuazione della legge 107 del 2015, ha fatto sapere il ministero. Ad ottobre poi il Miur ha inviato a tutti gli istituti una circolare "che ha avviato un ciclo serrato di conferenze di servizio con le scuole" in vista del nuovo esame. 

Da quest'anno sono previste tre prove scritte (italiano, matematica e lingue straniere) e un colloquio per acccertare le competenze trasversali, comprese quelle di cittadinanza. La commissione preparerà le prove e il giorno dell'esame ne sorteggerà tre, fra cui i candidati dovranno sceglierne una sola. 

esame terza media-2

Perché è cambiato l'esame di terza media

"Il gruppo di lavoro è stato costituito a luglio con il compito di definire una serie di interventi operativi per migliorare le competenze nella lingua italiana delle studentesse e degli studenti della scuola secondaria di primo e secondo grado. Quello che presentiamo oggi - ha spiegato il ministro dell'Istruzione Valeria Fedeli - è un primo risultato. Il documento finale potrà rappresentare una utile guida per i docenti anche nell'attività didattica quotidiana, oltre che in vista dell'Esame finale del primo ciclo". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Il proposito è stato quello di offrire ai docenti suggerimenti per predisporre al meglio le prove d'esame e valutare le competenze di lingua italiana per quanto riguarda sia la comprensione sia la produzione del testo", ha dichiarato Serianni.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Verso il coprifuoco alle 22 in tutta Italia

  • Raimondo Todaro: "Con Elisa Isoardi sempre più uniti, ma in ospedale con me c’era la mia ex moglie"

  • Verso un nuovo Dpcm entro domenica 25 ottobre

  • Dpcm 18 ottobre: le nuove misure della stretta in arrivo oggi

  • Fa la spia perché il vicino non rispetta la regola dei 6 in casa e finisce malissimo

  • Estrazioni Lotto e numeri SuperEnalotto di giovedì 22 ottobre: numeri vincenti e quote

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Today è in caricamento