Venerdì, 7 Maggio 2021

Rientro a scuola a settembre: tutte le novità ai tempi del Covid-19

Come sarà il ritorno a scuola? Quali le novità post Covid-19?

Il tema del rientro a scuola a settembre è uno dei più dibattuti in questo periodo.

Dopo che l’emergenza sanitaria legata al Covid-19 ha messo fine al precedente anno scolastico con largo anticipo, ora è tempo di pensare a come organizzare il rientro tra i banchi scolastici.

Il back to school 2020/2021 sarà caratterizzato dai mono banchi e non solo; vediamo tutte le novità stabilite dal MIUR per il ritorno a scuola.

Le nuove direttive del MIUR

Il Ministro dell’Istruzione, Lucia Azzolina, ha studiato attentamente le nuove direttive anti-Covid per assicurare un ritorno in classe in totale sicurezza, sia per gli studenti sia per tutto il personale scolastico.

Tante le novità per l’anno 2020-2021, come:

  • ingressi scaglionati: si pensa agli ingressi scaglionati, in modo da evitare assembramenti
  • distanza di un metro: negli spazi comuni, come i corridoi, e nelle aule vigerà l’obbligo di distanziamento sociale di almeno un metro
  • mono banchi: una delle più grandi novità saranno i banchi singoli, come il modello universitario, studiati per rispettare la distanza e tutelare studenti e professori
  • mascherina: l’obbligo di indossare la mascherina nei corridoi e negli spazi comuni; non vi è l’obbligo, invece, all’interno delle aule

Per quanto riguarda la scuola dell’infanzia, invece, non vi è l’obbligo di indossare la mascherina per gli alunni, mentre sarà obbligatoria per tutti gli insegnanti.

Test sierologici per il ritorno a scuola

E’ stato stabilito l’obbligo dei test sierologici per tutti il personale docente e non, sia delle scuole primarie sia delle scuole secondarie pubbliche statali e non, paritarie e private su tutto il territorio nazionale.  

Per poter effettuare i test, i docenti delle scuole pubbliche potranno rivolgersi al proprio medico di base, mentre il personale delle scuole private e paritarie dovrà fare riferimento alla propria Asl territoriale.

Back to school e nuove assunzioni

Per il rientro a scuola a settembre c’è bisogno non solo di nuovi spazi, ma anche di un numero maggiore di insegnanti.

Per tale ragione, il Governo, oltre a dover stanziare fondi per l’acquisto di nuovi materiali scolastici, dovrà mettere a disposizione altre risorse economiche per l’assunzione e la formazione di un nuovo corpo docenti, dei bidelli e del personale di segreteria.

Continua a leggere su Today.it

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rientro a scuola a settembre: tutte le novità ai tempi del Covid-19

Today è in caricamento