Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Digital Innovation Days

La Blockchain al servizio del consumo sostenibile

Grazie a questa tecnologia una start up italo-svizzera ricrea un ecosistema di aziende e consumatori virtuosi

Chi negli ultimi mesi ha seguito il dibattito pubblico intorno alle nuove tecnologie sicuramente si sarà imbattuto nella parola blockchain, probabilmente associata al concetto di criptovaluta. E in parte per la natura tecnica del discorso, in parte per la normale diffidenza verso le nuove tecnologie, la rappresentazione fornita dai media della blockchain risulta spesso nebulosa e poco chiara.

Ma facciamo un passo dietro: che cos’è una blockchain? In termini prettamente informatici si tratta di un database sequenziale e organizzato in nodi in cui viene inscritta una traccia di ogni operazione eseguita. Il risultato di questo sistema è una catena di blocchi — blockchain, per l’appunto — in cui sono legate assieme tutte le operazioni effettuate sul database.

Nel concreto, quindi, la blockchain è una tecnologia che consente di certificare la specificità e unicità di qualsiasi documento digitale, attribuendo alla stessa architettura del database il ruolo di garante dell’immutabilità del dato.

Ne deriva che il potenziale di questo strumento è enorme e trova applicazione nei campi più disparati: dalla notarizzazione e autenticazioni di atti pubblici, contratti e documenti sino alla certificazione dei processi della filiera in ambito food.

Questo è per esempio il caso della start up Genuine Way, service provider tecnologico che mette a disposizione delle aziende europee attive nell’agrifood, nella moda, nella cosmetica e nel settore farmaceutico soluzioni blockchain.

L’obiettivo di Genuine Way è duplice: da un lato promuovere forme di consumo sostenibile – sia da una prospettiva ambientale che sociale – dall’altro rendere accessibile una tecnologia innovativa e poco nota come la blockchain alle piccole e medie imprese.

In questo modo la  start up ricrea un vero e proprio ecosistema che accorpa aziende e consumatori virtuosi, attenti al rispetto dell’ambiente e al tema della sostenibilità, argomento sempre più centrale all’interno del dibattitto pubblico nazionale ed europeo. 

Grazie alla piattaforma proprietaria ITEMx®, infatti, Genuine Way genera una connessione diretta tra il prodotto fisico delle PMI e l’utente finale, messo così a conoscenza della storia produttiva e dei processi di filiera – certificati dalla blockchain – di quel che sta acquistando.

Il funzionamento di ITEMx® è molto semplice: l’azienda carica i documenti sulla piattaforma lasciando appunto una traccia sulla blockhain e ricevendo un QR code da apporre sul prodotto e che se inquadrato da un apposito lettore restituisce al consumatore un’interfaccia personalizzata, permettendogli di approfondire la storia del processo produttivo di quel che si trova davanti.

Grazie a Genuine Way, insomma, una tecnologia forse ancora di nicchia e sicuramente conosciuta da pochi diventa immediatamente accessibile al mondo delle PMI, fungendo da strumento chiave sia per certificare la filiera virtuosa del prodotto, sia per valorizzare lo storytelling connesso a queste produzioni.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Blockchain al servizio del consumo sostenibile

Today è in caricamento