Lunedì, 8 Marzo 2021

La sostenibilità, approccio strategico integrato nel business

Focus su questo tema, soprattutto in vista del Vertice G20 del 2021, che lo vedrà come tema cardine

Quello della sostenibilità è un tema delicato e importante, di cui si parla diffusamente.
Nonostante questo, soprattutto in Italia, permane ancora grande confusione in merito.
Il termine “sostenibilità”, infatti, viene principalmente associato al cambiamento climatico: non è sbagliato, ma è fortemente riduttivo.

L’argomento è stato ben spiegato da Martina Rogato, Sustainability Advisor, Docente & Sherpa di Women20 - G20, nello speech tenuto durante i DIDays 2020.
Infatti, ha chiarito il significato di “sostenibilità”, ponendo poi un focus riguardo alla famosa agenda 2030 e i relativi 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDGs), in preparazione al prossimo G20.

Viene chiarito subito che, quando si parla di sostenibilità, bisogna prendere in considerazione tre anime importantissime: una ambientale, una sociale, e una di tipo economico (tre pilastri: People, Profit and Planet).
La sostenibilità è definita, dagli accademici, come un approccio strategico integrato nel business.
È chiaro, quindi, che il messaggio è quello di continuare a fare business, e di conseguenza profitto, senza arrecare danni alle persone e all’ambiente.
Si tratta, dunque, di un cambiamento di stile di vita, un qualcosa che deve essere innescato. Il digitale, in tal senso, può essere un grande alleato.
Il tema della sostenibilità è anche legato all’Agenda 2030, stilata nel 2015 dalle Nazioni Unite.
L’agenda 2030 presenta 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile, che propongono, appunto, 17 goal da raggiungere entro il 2030, con il fine ultimo di supportare una sviluppo sostenibile a livello ambientale, economico e sociale.

Alcune Aziende hanno ancora dei dubbi riguardo al vantaggio di investire in sostenibilità: anche in questo caso, è il tipo di mentalità che va cambiato.
Se, nel breve periodo, infatti, questo è spesso un costo, ci si rende conto che, nel medio e lungo periodo, invece, si ottiene un notevole ritorno.
Sostenibilità, infatti, significa ottimizzazione di processi, materie e materiali.

Se, però, ci sono Aziende che si impegnano seriamente nel mettere in atto un approccio integrato al business, altre lo fanno in maniera confusionaria e sporadica, spesso cadendo nel greenwashing (ovvero intraprendere politiche sostenibili soltanto in apparenza, senza un reale impegno).
Tale comportamento, però, non premia affatto: da un lato, perché l’UE sta sta trainando la sostenibilità, investendo, oggi, su un approccio di tipo mandatorio.
Dall’altro lato, perché i consumatori, sempre più digitali, connessi e consapevoli, sono perfettamente in grado di riconoscere un’Azienda che implementa politiche serie di sostenibilità.

Inoltre, chi Intercetta la sostenibilità, ha una stabilità, nel medio lungo periodo, molto importante, con un riscontro interessante  a livello reputazionale (se fatta in maniera sincera e chiara).
Sono sempre di più, infatti, gli utenti che dichiarano di preferire un prodotto sostenibile (Millennials e GenZ in testa).

Non è un caso che le Aziende più attente e sensibili, in tema di sostenibilità, siano proprio le startup; giovani e innovative, sono le più propense a sviluppare un nuovo modello di business.
La consapevolezza e il desiderio di creare valore per tutti, migliorando la condizione di chi si trova a utilizzare i loro servizi, le rende un ottimo esempio di Aziende che integra la sostenibilità nei propri processi.
Il settore Food Tech è uno di quelli che, maggiormente, annovera interessanti esempi di startup virtuose.

Ritornando ai 17 Obiettivi, questi sono monitorati da alcune associazioni; in Italia c’è ASviS (Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile); l’Alleanza  ha sottolineato come la pandemia abbia sferrato un duro colpo al loro raggiungimento, bloccando anche i progressi fatti.
Di seguito, gli aspetti maggiormente colpiti:

  • n°3 - salute e benessere
  • n°4 - istruzione
  • n°5 - disparità di genere
  • n°8 - lavoro dignitoso
  • n°10 - disuguaglianze sociali

L’unico goal che ha avuto un riscontro positivo è stato il n°13, inerente la lotta al cambiamento climatico: il fermo forzato, oltre che portare numerosi disagi, ha avuto un impatto positivo sulla situazione del Pianeta, che ha avuto un po’ di tregua.

Il focus, ad oggi, resta fisso sulla sostenibilità, mantenendo viva l’attenzione in merito.
Questo, soprattutto in vista del 2021, quando l’Italia ospiterà il Vertice G20.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La sostenibilità, approccio strategico integrato nel business

Today è in caricamento