Domenica, 14 Luglio 2024
Earth Day Italia

Africa, se il riscatto viene dalla terra

Slow Food si impegna nell’obiettivo di creare 10mila orti in 25 Paesi africani. Un progetto buono, pulito e giusto

Buoni, puliti e giusti. Sono i mille orti avviati da Slow Food nelle scuole, nei villaggi e nelle periferie delle città di 25 Paesi africani. Devono moltiplicarsi e diventare 10mila nel giro di pochi anni: è proprio dalla terra che la rete fondata da Carlo Petrini vuole innescare il riscatto del Continente Nero.

Scolastici, comunitari o familiari, sono modelli concreti di agricoltura sostenibile, attenti alle diverse realtà autoctone e facilmente replicabili. Sono buoni perché garantiscono prodotti freschi e genuini, valorizzando le tradizioni agricole e gastronomiche dei territori.

Sono puliti perché rispettano l’ambiente, gestendo le risorse in modo sostenibile e tutelando la biodiversità.

Sono giusti perché insegnano il know how a un popolo che deve avviarsi per la via della sovranità alimentare, non si limitano a donare del cibo, ma promuovono conoscenze e competenze, riunendo generazioni diverse e contesti sociali diversi.

Dal Kenya all’Uganda, dal Mozambico alla Costa d’Avorio, dal Senegal al Marocco, gli orti Slow Food stanno sbocciando in Africa. Ognuno costa 900 euro e dei 1000, che costituiscono il primo obiettivo, 973 sono già stati adottati. Il prossimo traguardo sono 10mila. Ciascuno di noi può dare il suo contributo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Africa, se il riscatto viene dalla terra
Today è in caricamento