Mercoledì, 28 Luglio 2021
Gamechangers

Banda ultra larga fino a casa: il rilancio dei piccoli comuni è già realtà

Ecco come tre sindaci italiani hanno trasformato le loro piccole realtà territoriali, storicamente penalizzate dal digital divide, in esempi di buone pratiche innovative e di crescita tecnologica

Forse non ve ne siete accorti, ma il nostro Paese sta cambiando sotto ai nostri occhi. Una dimostrazione di ciò arriva dalla consapevolezza che ci stiamo lasciando poco per volta alle spalle il cosiddetto digital divide, il divario che separa luoghi che hanno un facile e veloce accesso a internet dalle “aree bianche”, dove manca tale possibilità. 

E allora, è finalmente giunto il tempo di ridisegnare le prospettive di tutti quei piccoli borghi geograficamente isolati e dei piccolissimi comuni che hanno vissuto per anni i gravosi problemi dello spopolamento, della fuga dei giovani e del mancato incoming turistico.

I tempi sembrano maturi, dunque, per dare una svolta decisiva a tutte queste realtà. Ce lo hanno dimostrato i sindaci di tre piccoli comuni italiani, che stanno letteralmente cambiando le regole del gioco, riuscendo nell’arduo compito di ridare valore ai propri territori e rivitalizzarne le comunità con politiche a favore del ripopolamento e del ritorno del lavoro sul territorio.

Vediamo, allora, come stanno affrontando le nuove sfide digitali e tecnologiche il Comune di San Bellino (RO), e i due borghi di Calvello (PZ) e Parrano (TR).

800x400San Bellino 3-3

Le tre iniziative + 1 che stanno richiamando giovani e lavoro a San Bellino

Sta facendo le cose in grande il sindaco di San Bellino, Aldo d’Achille: la strategia per “riportare a casa” i giovani di San Bellino e allo stesso tempo attirare sul territorio nuovi residenti e lavoro, ha previsto diverse iniziative notevoli.

    • Nel territorio comunale sorge il parco fotovoltaico più grande d’Europa, in ottica di sostenibilità ambientale e miglioramento della qualità della vita sul territorio.
    • Il comune concede incentivi per ogni residente che decide di installare pannelli fotovoltaici sulla propria casa.
    • Vengono favoriti gli investimenti di società e multinazionali sul territorio per far confluire capitali e maggiori possibilità lavorative, soprattutto per i giovani.

Una visione del futuro chiara, quella che ci regala il sindaco d’Achille:

“Mi piace pensare alla mia San Bellino come a un comune laboratorio, foriero di buone pratiche: creando connessione tra sensibilità molto diverse, stiamo trovando un metodo per rendere il nostro paese più accogliente.”

D'Achille1-2

E non parla a caso di connessione, il sindaco, perché l’altro grande progetto messo in campo riguarda proprio la necessità di supportare la connettività, con un forte sostegno al progetto di diffusione della banda ultra larga FTTH a opera di Open Fiber, con velocità fino a 1 Gigabit per secondo, su tutto il territorio, incentivando, anche in questo caso, i cittadini che decidono di allacciarsi alla fibra, con un rimborso di tre mesi di abbonamento sul gestore telefonico scelto.

L’autostrada che porta alla Calvello del futuro è un capolavoro di fibra digitale 

Strada diversa quella intrapresa dal borgo di Calvello e dalla sindaca Maria Anna Falvella. Un paese, Calvello, dove, nonostante la presenza di pozzi di petrolio, non si è verificato lo sviluppo desiderato in termini di occupazione e, anzi, tale risorsa ha finito per diventare preponderante rispetto allo sviluppo di altri settori. Questo ha contribuito a far prendere a livello amministrativo la strada dell’innovazione, iniziando a puntare tutto su settori avanzati come quello informatico, nell’ottica di spingere anche il settore turistico in difficoltà.

Obiettivo prioritario, quindi, è formare le persone di cui la nuova transizione digitale ha bisogno e creare le condizioni infrastrutturali perché queste decidano di vivere e lavorare qui. Un obiettivo ambizioso,  realizzato concentrando gli sforzi del comune sulla transizione digitale, da un lato creando adeguati spazi di coworking che hanno permesso di superare i limiti incontrati dagli smartworker durante l’emergenza Covid, dall’altro creando la condizione sine qua non per lo sviluppo e l’attrazione di aziende informatiche, lavoratori digitali e turisti sempre connessi: l’implementazione della banda ultra larga e ultra veloce FTTH in fibra sul territorio comunale. 

“Sfrutteremo al massimo le opportunità generate dalle nuove tecnologie”, spiega la Falvella, “È tutto legato alla connettività e alle competenze. Il south working lo possiamo immaginare se siamo connessi in maniera veloce.”

2sindaco-maria-anna-falvella-2

E non c’è solo il rilancio turistico nel mirino dell’amministratrice di Calvello, perché il Comune sta promuovendo contestualmente una sperimentazione di telemedicina, che permetterà di collegare la medicina di prossimità a un sistema di servizi innovativi, nell’ottica di poter agire, nel momento del bisogno, in modo rapido e più efficiente. Un’esigenza questa, che è diventata evidentemente più pressante e palese soprattutto nei mesi di pandemia.

Una qualità della vita più alta della media: a Parrano si vive e si lavora bene

Anche il piccolo borgo medievale di Parrano, nell’Orvietano, si è trovato a dover fare i conti in passato con un massiccio esodo di forza lavoro, soprattutto contadini in cerca di territori più ricchi. Il sindaco Valentino Filippetti sta quindi “cercando di superare i vincoli strutturali che hanno causato l’isolamento” e sta “tentando di ridare certezze ai cittadini, cercando di rendere la vita migliore e di attirare nuovi cittadini lavoratori.”

Per realizzare questi scopi, il comune ha deciso di agire su diversi fronti strategici: sostenere gli spostamenti da e per il comune per favorire lavoratori e turisti, attirare i giovani con affitti agevolati e rendere Parrano uno dei primi comuni con rete FTTH in fibra completata. Il progetto #BandaUltraLarga ha migliorato la qualità dei servizi della PA e delle strutture sanitarie della zona e sta attirando tante persone e lavoratori, felici di poter vivere e lavorare in un piccolo gioiello d’Italia. Sono già 32 i nuovi residenti acquisiti dal Comune durante il 2021, un piccolo record per il borgo che però dimostra come l’inversione di tendenza sia cominciata.

E allora, il sogno di Filippetti diventa una meta a cui tutti dovremmo ambire:

“Tra dieci anni vedo Parrano come un borgo interconnesso pieno di giovani in attività che si dedicano al lavoro, ma anche alla cura del territorio, all’insegna della socialità e della convivialità.”

Senzanome-3

Tre realtà, un'unica grande soluzione: la banda ultra larga di Open Fiber

San Bellino, Calvello e Parrano, tre dimostrazioni di come si può fare tanto per valorizzare e sfruttare le potenzialità piccole realtà territoriali italiane. Strade diverse, ma con un punto in comune: la collaborazione con Open Fiber, società di telecomunicazione italiana la cui mission è annullare, grazie alla fibra, le disparità del digital divide e parificare le opportunità di crescita e di sviluppo di grandi e piccole realtà del nostro Bel Paese. 

Questo perché la connessione ultra veloce è una gigantesca autostrada digitale che può passare anche dal più piccolo dei comuni, con un cartello d’uscita che indica a chiare lettere “BENVENUTI”.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Banda ultra larga fino a casa: il rilancio dei piccoli comuni è già realtà

Today è in caricamento