rotate-mobile
Giovedì, 2 Dicembre 2021
Gamechangers

Lavorare quattro giorni alla settimana: il caso della Scozia

Ormai è una vera e propria realtà cui tutto il mondo, nel giro di pochi anni, potrebbe far fronte. La settimana lavorativa di quattro giorni è stata ampiamente accolta da diverse nazioni, come la Scozia

Pura campagna elettorale o realtà? Ce lo siamo chiesti a più riprese e abbiamo monitorato la situazione, cercando di discuterne il più possibile. Ma oggi tutto sembra tutto più concreto. L'attuale premier scozzese, Nicola Sturgeon, aveva lanciato questa proposta prima delle elezioni proponendo un fondo da 10 milioni di sterline per finanziare l'iniziativa consistente nella settimana lavorativa di quattro giorni.

Niente di più vero: la proposta si è trasformata in un vero e proprio progetto "pilota", finanziato proprio con quella somma di denaro. Grande partecipazione è avvenuta anche dalla cittadinanza scozzese, pronta a fare "da cavia" per il progetto. Ma a quanto pare, l'utilizzo di questi quattro giorni verrà allargato a gran parte dei lavoratori scozzesi, in modo che tutti possano testare sulla propria pelle questa rivoluzione.

Perché lavorare solo quattro giorni alla settimana

"La pandemia è servita a intensificare l'interesse e il supporto per pratiche di lavoro più flessibili, tra cui il passaggio a una settimana lavorativa di quattro giorni. La riduzione delle ore settimanali potrebbe aiutare a creare nuovi posti di lavoro e migliorare il benessere dei dipendenti", ha dichiarato un portavoce del governo scozzese. A questo mira il progetto, nato dai numerosi studi in merito ai casi di burnout da smartworking e le condizioni da superlavoro durante i numerosi lockdown Covid-19.

Se a questo si aggiunge un nuovo studio dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) che ha constatato i numerosi pericoli (tra cui, nelle circostanze più gravi, la morte) dovuti alla settimana lavorativa troppo prolungata, si deduce che, per recuperare "punti" per quanto riguarda la qualità della vita, il progetto può benissimo essere applicato a tutta la popolazione mondiale.

Stress ridotto e maggiore produttività

Quali sono i vantaggi psicofisici di una settimana lavorativa di soli quattro giorni? Il primo di tutti è la riduzione dello stress lavorativo. Ma anche e soprattutto la riconciliazione con la vita privata, molto spesso messa al secondo posto per via dell'aumento delle attività produttive. Lavorare quattro giorni concede maggior tempo da dedicare agli affetti e aumenta di conseguenza i livelli di soddisfazione sul lavoro.

Ma la Scozia è solo una delle ultime nazioni ad aver adottato questo approccio: In Islanda, l'esperimento era in prova dal 2015 ed è stato un gran successo: la produttività è cresciuta ed è aumentata la soddisfazione dei lavoratori. In Finlandia l'approccio del governo è stato ulteriormente più democratico: i dipendenti hanno la possibiità di spostare l'orario di lavoro in base al proprio stile di vita, potendo iniziare, o completare, le proprie responsabilità fino a tre ore prima o tre ore dopo l'orario standard. Anche il Regno Unito potrebbe essere sulla via di adottare questo metodo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lavorare quattro giorni alla settimana: il caso della Scozia

Today è in caricamento