Mercoledì, 25 Novembre 2020

Il ritorno del "drive in" per salvare il cinema: ecco le iniziative

Una modalità di fruizione cinematografica che garantirebbe il rispetto delle misure di distanziamento sociale

Foto da Facebook @cnaroma

"Torneranno i cinema all'aperto", cantava qualche estate fa Raphael Gualazzi nel brano 'L'estate di John Wayne', con tono nostalgico e senza sapere che una prospettiva del genere si sarebbe potuta realizzare sul serio pochi anni dopo. In tempi di emergenza coronavirus, infatti, si parla da più parti di un possibile ritorno al cinema 'drive in', un modo per andare incontro alla crisi vissuta dal settore cinematografico a causa della chiusura delle sale e che garantirebbe il rispetto delle misure di distanziamento sociale anti-contagio. 

Tra le iniziative messe in campo in questo senso, c'è CineDrive. Il progetto, nato dalla collaborazione tra Cna Cinema e Audiovisivo e una rete di esercenti, potrebbe permettere di vedere i film più amati in totale sicurezza, al sicuro dell'autovettura, grazie alla tecnologia fornita da Tixter. "Questo primo passaggio - spiega Stefano Di Niola, Segretario della Cna di Roma - porta il CineDrive a fare da apripista per le successive aperture delle Arene cinematografiche ed infine alla riapertura delle nostre sale cinematografiche che riteniamo non sarà immediata. Questa grandissima opportunità ci consentirà non solo di non farci trovare orfani del grande schermo, ma ci darà la possibilità di vivere la magia delle serate all'aperto in macchina come nelle immagini dei drive-in di tanti anni fa". 

"Il nostro valore aggiunto è sicuramente la collaborazione con Moviemedia, società concessionaria leader come numero di schermi e presenza territoriale, che abbiamo al nostro fianco in questo percorso organizzativo - precisa Mario Perchiazzi, presidente di Cna Cinema e Audiovisivo- Con Moviemedia si apre una finestra essenziale sul panorama nazionale, per poter vincere la sfida al supporto del settore, mettendo forza, conoscenza e grandi risorse nel progetto. Siamo certi che raccoglieremo la sensibilità e il sostegno delle istituzioni, in particolare del Comune di Roma e della Regione Lazio, essendo con ogni probabilità l'unica manifestazione che potrà svolgersi nei prossimi mesi all'aperto. CNA Cinema e Audiovisivo di Roma sarà il promotore di questa iniziativa riservata esclusivamente agli esercenti, in attesa della tanto auspicata riapertura delle nostre sale cinematografiche".

Nella stessa direzione va l'idea lanciata da tre architetti bolognesi dello studio Miro, i quali non si rassegnano a rinunciare a "Sotto le stelle del cinema", la rassegna cinematografica sul mega schermo in Piazza Maggiore che da diversi anni accompagnano le serate estive in città. "Per superare le problematiche dettate dal necessario distanziamento che ci accompagnerà per un po' potremmo tornare al Drive-in", spiegano, "Le crisi portano sempre con loro stimoli e creatività; oggi non conosciamo i tempi del lockdown ma eccovi una proposta di come Miroarchitetti immagina una delle iniziative estive più amate e conosciute della nostra città, il tanto amato Cinema sotto le stelle e il Cinema ritrovato". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il ritorno del "drive in" per salvare il cinema: ecco le iniziative

Today è in caricamento