Monopattini elettrici: tutte le regole da rispettare

Le regole da rispettare quando si guida un monopattino elettrico

Continua il nostro viaggio nel mondo dei monopattini elettrici ed oggi ci occupiamo in particolare delle regole da rispettare quando si è alla guida di questi mezzi a due ruote.

Iniziamo dalle caratteristiche tecniche. In Italia possono circolare modelli con una potenza non superiore a 500W. Questi mezzi devono, inoltre, riportare la marcatura «CE» e devono essere dotati di un campanello per le segnalazioni acustiche, luci bianche o gialle anteriori e luci rosse e catadiottri rossi posteriori; luci che vanno accese obbligatoriamente mezz'ora dopo il tramonto, di notte e nelle giornate con condizioni atmosferiche particolari.

Ricordiamo, inoltre, i limiti di velocità: al massimo 25 km/h quando si circola sulla carreggiata e 6 km/h nelle aree pedonali.

Passiamo poi alle strade: i monopattini possono circolare solo sulle strade urbane dove è previsto il limite di 50 km/h (dove non è vietata la circolazione dei velocipedi) e sulle strade extraurbane, ma solo sulle piste ciclabili. La violazione di queste regole comporta sanzioni fino a 400 euro.

Occupiamoci ora degli utenti. I monopattini elettrici possono essere usati solo da chi ha più di 14 anni e fino a 18 anni è obbligatorio l’uso del casco. Inoltre è obbligatorio utilizzare bretelle o giubbotti retroriflettenti a partire da mezz'ora dopo il tramonto, di notte e in giornate dalla visibilità scarsa per motivi meteorologici. 

Si circola in fila unica quando richiesto, oppure affiancati al massimo in due. Vietato trasportare altre persone, oggetti o animali, trainare o farsi trainare da altri veicoli.

I conducenti devono avere libero uso delle braccia e delle mani, reggere il manubrio sempre con entrambi le mani, salvo che non sia necessario segnalare la manovra di svolta. 

Infine non c'è bisogno di assicurazione e di targa.

In Evidenza

I più letti della settimana

  • Scooter elettrici con i pedali: mezzi per tutte le tasche ideali per la città

  • Il turismo che non c'è: città vuote, gli esercenti chiedono le zone franche urbane

  • Turismo, ormai è una "questione di reputazione": la classifica delle regioni italiane

  • Mobility post Covid: il nuovo modo di vivere gli spostamenti

  • Borghi del respiro, quando il turismo sostenibile fa rima con salute

  • Vacanze, la rivincita della montagna: "Quest'anno è la meta preferita dagli italiani"

Torna su
Today è in caricamento