rotate-mobile
Giovedì, 18 Aprile 2024
Ambiente

Sostenibilità ambientale: la classifica dei migliori Paesi

Da Yale e dalla Columbia University arriva uno studio che analizza le politiche ambientali di 180 Paesi

Dal rapporto dell’EPI (Environmental Prestation Index) arriva la classifica che valuta l’andamento della sostenibilità ambientale globale. 

Studio realizzato ogni due anni da Yale e dalla Columbia University che analizza le politiche ambientali di 180 Paesi, valutando 32 parametri come la tutela della biodiversità e degli habitat naturali, il consumo di suolo, la quantità di copertura forestale, la tutela degli ecosistemi marini, le politiche climatiche e la qualità di aria e acqua.

Classifica dominata dai Paesi europei, che vede sul podio Danimarca, Lussemburgo e Svizzera, seguiti da Regno Unito, Francia, Austria, Finlandia, Svezia, Norvegia, Germania e Paesi Bassi.

Per arrivare all’Italia bisogna scendere alla 20° posizione, a pari punti con Canada e Repubblica Ceca. Valutazione globale peggiorata rispetto al 2018, quando il nostro Paese occupava la 16° posizione.

In particolare sono peggiorati il consumo del suolo, la perdita e la frammentazione degli habitat (166° nella classifica generale) e l’indice per la tutela degli ecosistemi marini (108° posto), la quantità di CO2, CH4 e N2O immesse in atmosfera e i gas serra emessi pro capite (rispettivamente al 111° e 118° posto).

Dal rapporto dell’EPI arrivano però anche dati positivi; il nostro Paese è, infatti, al primo posto per quanto riguarda l’indicatore relativo alla protezione del bioma terrestre; inoltre l’Italia occupa la 10° posizione della classifica riguardante lo stato di salute degli stock ittici. Ricordiamo, inoltre, l’11° posto per la qualità dell’acqua potabile, la 25esima posizione per l’esposizione al piombo e il 29° posto per quanto riguarda la vitalità degli ecosistemi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sostenibilità ambientale: la classifica dei migliori Paesi

Today è in caricamento