Domenica, 14 Luglio 2024
publisher partner

Veneto: il cancro è sotto scacco con i progetti di ricerca finanziati dal 5x1000

Un contributo importante per sostenete lavoro di 6.000 ricercatori

Da sempre l’uomo si cimenta con sfide incredibili e che spesso paiono eccedere le sue capacità. Eppure, ne viene quasi sempre a capo. Non esiste infatti avversario né ostacolo – per quanto ostico e tenace – che la conoscenza e la determinazione non possano sconfiggere.

Questo discorso vale anche per il cancro: grazie ai progressi della ricerca e della scienza medica, negli ultimi il tasso di mortalità legato a questa patologia è calato in modo significativo.

Un simile risultato difficilmente sarebbe stato possibile senza l’apporto di realtà come Fondazione AIRC, l’ente per il sostegno alla ricerca oncologica che nel 2023 sta finanziando il lavoro di 6.000 ricercatori con oltre 137 milioni di euro.

Airc-testo-2

Due progetti sostenuti da AIRC in Veneto

In particolare, le risorse del 5x1000 che i contribuenti destinano ad AIRC hanno permesso e permettono il finanziamento di progetti di ricerca oncologica su tutto il territorio nazionale.

Tra i beneficiari dei finanziamenti c’è il Dott. Stefano Piccolo dell’Università di Padova e dell’Istituto fondazione di oncologia molecolare (IFOM), coordinatore di uno dei programmi 5x1000 dedicati alle metastasi..

“Grazie al sostegno di AIRC che ci accompagnerà per ben sette anni – afferma Piccolo – potremo approfondire i dati preliminari oggi disponibili, che ci fanno ipotizzare la presenza di spinte di tipo meccanico alla base dei processi che portano le metastasi a stabilirsi in un determinato ambiente e a crescere fino a diventare letali”.

La missione del gruppo di lavoro coordinato da Stefano Piccolo è accedere a una comprensione approfondita del ruolo dei meccanismi di meccano-trasduzione nelle metastasi del tumore mammario. Detta in modo più semplice: si tratta di capire come i segnali e le spinte di tipo meccanico e fisico siano in grado di dare alle metastasi quella sorta di superpotere che permette loro di crescere in ambienti diversi e ostili.

Anche il Dott. Alessandro Carrer della Fondazione Ricerca Biomedica Avanzata ONLUS di Padova, sta portando avanti un importante lavoro di ricerca grazie ai contributi del 5x1000 destinati ad AIRC.

Lo studio di Carrer si concentra sulla relazione tra il metabolismo cellulare e l’insorgenza del cancro al pancreas. In particolare, la ricerca si concentra sull’attività dei mitocondri, strutture deputate a processare i nutrimenti della cellula e integrare i segnali metabolici dall’ambiente circostante.

Carrer e il suo gruppo di lavoro, infatti, cercano di capire se l’attività alterata dei mitocondri avvenga prima dell'onset della malattia e se quindi possa essere considerata un target per prevenire l'insorgenza del cancro al pancreas.

L’obiettivo di questo progetto sostenuto da AIRC è individuare fattori di rischio (per esempio particolari regimi alimentari o squilibri metabolici) così da sviluppare strategie di prevenzione più efficaci.

Donare il proprio 5x1000 è semplice

Per diventare parte attiva di questi programmi di ricerca anche in Veneto si può contribuire con il 5x1000, un piccolo gesto d’amore dal valore inestimabile per tutta la comunità.

Non si tratta di una donazione, ma di una destinazione. In altre parole, il contribuente non si priva di nulla, ma sceglie di destinare una percentuale dell’Irpef. Basta inserire il codice fiscale di AIRC - 80051890152 - nella sezione relativa al Finanziamento della ricerca scientifica e della università e mettere la firma nell’apposito spazio.

Sul minisito di AIRC dedicato al 5x1000 si può anche ricevere un promemoria gratuito via sms o email per avere sempre a disposizione il codice fiscale della Fondazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Today è in caricamento