rotate-mobile
Venerdì, 24 Maggio 2024
publisher partner

Cibo sano, gustoso, diverso, introvabile. In una parola? Bio

Da più di 25 anni c’è chi sceglie il meglio della natura e lo porta sulle nostre tavole

Lo sappiamo tutti: la dieta mediterranea è la migliore del mondo. No, non è che ci siamo svegliati particolarmente patriottici stamattina, è che con il cibo, qui da noi in Italia, non si scherza. 

Eppure, oggi, la bontà di una cucina non si misura solo in sapori, profumi e quantità di cibo al pranzo domenicale dalla nonna, ma anche e soprattutto in qualità del cibo e delle materie prime utilizzate.

Cibo biologico: una maggior consapevolezza per una vita migliore

Una consapevolezza, che, se per alcuni deriva da riflessioni etiche e ambientali, per altri nasce invece dalla presenza di allergie e intolleranze ai più diversi alimenti. In entrambi i casi, la parola chiave è proprio “consapevolezza”. Insomma, il concetto è molto semplice, ma fondamentale: mangiare bene, fa vivere meglio.

Lo hanno scoperto più di 25 anni fa anche Michele ed Elsa, che, si sono trovati a dover scegliere una dieta specifica per la propria famiglia e a prendere coscienza che il cibo biologico era la chiave per un’alimentazione sana, varia e comunque gustosa.

I pionieri del Bio: una scommessa vinta

Ma chi sono Michele ed Elsa? Due veri e propri pionieri del Bio. Se oggi, infatti, il biologico è entrato a far parte della nostra quotidianità, loro, già negli anni ‘90, decisero di aprire Biobottega, un punto vendita interamente dedicato ad articoli alimentari biologici e a cibi sani e genuini.

A dar loro supporto furono i primi produttori biologici del Nord Italia, grazie ai quali è stato possibile negli anni riempire i propri scaffali di articoli di primissima qualità, spesso introvabili nei normali supermercati. Insomma, la scommessa era quella di riuscire a portare cibo buono e sano sulle tavole dei propri clienti, sensibilizzandoli così a una dieta biologica e a raggiungere una migliore qualità della vita.

Una scommessa vinta, perché negli anni Biobottega è cresciuta e oggi, i clienti possono scegliere tra tre punti vendita, tra Torino e Aosta, tra i quali anche uno dei più grandi supermercati del biologico in Italia.

Staff e clienti: quando la consapevolezza sul biologico è condivisa

Arrivare fino ad oggi, insomma, con questo enorme bagaglio di esperienza in ambito bio, significa poter assistere il cliente con uno staff di persone consapevoli e appassionate, ormai pronte a consigliare e proporre una vastissima gamma di cibi integrali, 100% vegetali, macrobiotici, gluten free e dedicati a intolleranti e allergici di vario genere.

E Biobottega negli ultimi due anni ha deciso di continuare a seguire il mercato nella sua evoluzione; per questo i negozi fisici non bastano più.

Biobottega è anche online: e-commerce e delivery in tutta Italia

E oggi, esiste solo un modo per urlare a gran voce il proprio messaggio: internet.

Per questo, nel 2020, Biobottega ha deciso di affacciarsi al Web con un pratico e-commerce dedicato al biologico  e con un efficace e comodo servizio di consegna a domicilio in tutta Italia che potesse raggiungere ogni tavola dello Stivale e portare così il gustoso e salutare messaggio biologico letteralmente sulla bocca di tutti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Today è in caricamento