Startup innovative: quali sono le agevolazioni fiscali e le semplificazioni burocratiche?

Numerose sono le opportunità a disposizione delle startup innovative, considerando l’alto rischio di impresa legato a tale tipo di attività imprenditoriale

Una volta entrati nella sezione speciale del Registro delle Imprese dedicata alle startup innovative, quali sono le agevolazioni fiscali e le semplificazioni burocratiche previste? Numerose sono le opportunità che la legge 221/2012 di conversione del “Decreto Crescita 2.0” mette a disposizione delle startup innovative, considerando l’alto rischio di impresa legato a tale tipo di attività imprenditoriale. Provvedimenti che garantiscono un importante sostegno nella fase più critica di avvio delle attività e ne favoriscono il consolidamento e la crescita. In generale sono previsti alleggerimenti burocratici e fiscali per tutte le operazioni legate al registro delle imprese; gestione societaria flessibile; disciplina del lavoro tagliata su misura; equity crowdfunding; facilitazioni nell'accesso al credito bancario; incentivi fiscali all'investimento.

Vediamo nello specifico quali sono i principali punti del documento:
Innanzitutto alle startup innovative non si applica il diritto annuale dovuto in favore delle Camere di Commercio, in pratica è previsto l’esonero da diritti camerali e imposte di bollo; in caso di riduzione del capitale di oltre un terzo, l’obbligo di ripianare le perdite viene posticipato al secondo esercizio successivo, invece del primo esercizio come comunemente avviene. I provvedimenti elencati hanno un impatto decisamente positivo sia in termini di contenimento dei costi, sia in termini di semplificazione nella gestione societaria, mediante una disciplina più snella e dinamica.

Da sottolineare, inoltre, è la Disciplina del lavoro che regola le imprese innovative: le startup innovative sono soggette, salvo alcune varianti specifiche, alla disciplina dei contratti a tempo determinato prevista dal Decreto Legge 81/2015 (cd. “Jobs Act”). La startup innovativa può, pertanto, assumere personale con contratti a tempo determinato della durata massima di 36 mesi. All’interno di questo arco temporale, i contratti potranno essere anche di breve durata e rinnovati più volte, senza i limiti sulla durata e sul numero di proroghe previsti dal Jobs Act. Al termine dei 36 mesi, il contratto potrà essere ulteriormente rinnovato una sola volta, per un massimo di altri 12 mesi, portando la durata complessiva del rapporto di lavoro a 48 mesi. Trascorso questo periodo di tempo, il rapporto di collaborazione assume la forma del contratto a tempo indeterminato. Inoltre, a differenza di quanto avviene per le altre imprese, le startup innovative con più di 5 dipendenti non sono tenute a stipulare un numero di contratti a tempo determinato calcolato sulla base del numero di contratti a tempo indeterminato attivi.

Il decreto prevede incentivi fiscali all’investimento nel capitale di rischio delle startup innovative: le imprese che decidono di investire in una startup, infatti, possono godere di alcune facilitazioni, che si sostanziano nel riconoscimento del diritto alla detrazione per i soggetti passivi IRPEF, ovvero alla deduzione per i soggetti passivi dell’IRES dal reddito imponibile delle somme investite in startup innovative, con un tetto massimo di  investimento agevolabile pari ad un milione di euro per la prima categoria di beneficiari e a un milione e ottocentomila euro per la seconda.

Infine per le imprese innovative nasce, disciplinato dalla Consob, l’equity crowdfunding: la possibilità di raccogliere capitali attraverso portali online autorizzati che raccolgono i contributi di investitori interessati allo sviluppo del progetto.

Per conoscere gli ulteriori strumenti dedicati alle startup innovative e ricevere il supporto di T3 Innovation per sviluppare la tua idea di business è possibile prenotare un appuntamento QUI.


 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Fondo Nazionale per I’Innovazione è adesso realtà: benefici e opportunità per le startup

  • L'aereospazio a portata di tutti: è disponibile gratuitamente il nuovo numero della rivista di T3

  • Percorso Innovazione: si parla di Aerospazio con Samantha Cristoforetti

  • Cosa sono i "Big data" e perché sono considerati così preziosi

  • “Percorso Innovazione” di T3 Innovation chiude in grande la rassegna: ospite Samantha Cristoforetti

  • Dai laboratori Unibas uno studio su nuove molecole per contrastare importanti patologie

Torna su
Today è in caricamento