rotate-mobile
Venerdì, 19 Aprile 2024
Basket

Serie A Femminile, Famila Schio: sarà rivoluzione

Il presidente Cestaro annuncia i tanti addii dal roster delle venete: addio Gruda, Dotto, Del Pero, Olbis, Deshields e Laksa. "Ma stiamo lavorando per costruire una squadra e soprattutto un gruppo che sia competitivo, che possa fare un buon campionato per i nostri appassionati tifosi e per le stesse giocatrici"

La Famila Schio, dopo aver vinto Supercoppa, Coppa Italia e scudetto (l'11°) si prepara ad una rivoluzione sul mercato. Il club veneto ha spiegato, con una lettera aperta del presidente Marcello Cestaro sui social, le ragioni dei prossimi cambiamenti nel roster, che vedranno andar via tante campionesse.
"Questo per noi della famiglia Famila Basket Schio è stato un anno veramente speciale: due coppe e l’undicesimo scudetto - le parole di Cestaro - . Ringraziamo il club, i nostri tifosi che sono stati veramente il 6° uomo in campo, sempre con noi. Un nuovo coach, George, subito integrato alla perfezione nella nostra realtà; capace, con il suo staff, di tirar fuori il meglio da ognuna delle ragazze. Giocatrici eccezionali che, al di là dei valori tecnici, hanno saputo creare un gruppo coeso in grado di reagire a tutte le difficoltà con grande carattere e unità. La nostra famiglia, mi piace chiamarla così, ha costruito i propri successi giorno dopo giorno lavorando tanto, sempre con il sorriso. Purtroppo avremmo voluto mantenere il gruppo intatto senza stravolgeresti ma nel nostro mondo, si sa, esistono delle variabili non sempre prevedibili.
Sandrine Gruda ci ha chiesto di tornare nella sua Francia e terminare lì la sua spettacolare carriera, richiesta ovviamente accettata anche se con grande dispiacere, sia tecnico che umano. Discorso diverso è quello riferito alla nostra capitana, Francesca Dotto. Per diversi motivi abbiamo capito che per lei è più opportuno che giochi in una squadra che non abbia l’impegno della doppia competizione (Campionato/Coppe ed Eurolega). Sarà comunque per sempre una componente della nostra famiglia, ovunque giochi e rimarrà una delle atlete che hanno fatto la storia del nostro Club. Come non citare la giovane Beatrice Del Pero, la giocatrice che più di tutte si è allenata quest’anno e che non ha trovato lo spazio che avrebbe meritato: a lei il nostro più grande in bocca al lupo per il suo futuro con la speranza che possa tornare a vestire la casacca Orange. Andrè Olbis, arrivata a Schio giovanissima e con tanta voglia di imparare, ha messo in pratica alla grande le sue doti. Ha scelto di avvicinarsi a casa, in bocca al lupo pure a lei. Un immenso augurio anche a Diamond Deshields. Discorso più complesso è quello di Kitija Laksa, giunta a Schio senza il clamore tipico di quando arriva una star ma da subito è diventata una delle protagoniste della squadra. Tutti abbiamo visto ed apprezzato le sue qualità tecniche e avremmo tanto voluto che fosse rimasta a Schio. Purtroppo, seppur in presenza di un accordo verbale, raggiunto con il suo agente, accordo che prevedeva la sua permanenza per altri due anni, la procuratrice ha ricevuto un’offerta per loro molto vantaggiosa da un club nostro collega e alla fine hanno insieme deciso di lasciare Schio. Noi siamo ancora quelli che ritengono che la parola sia più importante di qualsiasi accorso scritto ma evidentemente non tutti la pensano allo stesso modo. Non pensavamo mai che un club collega andasse a fare una tale proposta.
Nonostante ciò, pur con tanta amarezza da parte mia, stiamo lavorando per costruire una squadra e soprattutto un gruppo che sia competitivo, che possa fare un buon campionato per i nostri appassionati tifosi e per le stesse giocatrici. Termino salutando tutti i colleghi del basket femminile italiano, abbiamo tanto lavoro da fare per avere maggiore visibilità di questo grande sport che, ritengo, tutti amiamo".
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Serie A Femminile, Famila Schio: sarà rivoluzione

Today è in caricamento