rotate-mobile
Mercoledì, 25 Maggio 2022
Basket

Reyer Venezia, ecco chi è il nuovo acquisto Jordan Theodore

Ufficializzato ieri l'arrivo del playmaker di 182 cm, nato a Englewood, nel New Jersey, l’11 dicembre 1989 e in possesso di doppio passaporto, statunitense e nord-macedone. Ieri sconfitta casalinga in Eurocup contro il Bourg en Bresse: 78-81

"L’Umana Reyer ha il piacere di comunicare di aver raggiunto l’accordo con l’atleta Jordan Theodore, playmaker di 182 cm, nato a Englewood, nel New Jersey, l’11 dicembre 1989 e in possesso di doppio passaporto, statunitense e nord-macedone".

Formatosi al college di Seton Hall e alla high school di Patherson Catholic, da dicembre 2019 al termine della passata stagione ha vestito la maglia dei russi dell’Unics Kazan in VTB League e in EuroCup. Nella stagione 2020/21, Theodore ha disputato 15 incontri di VTB League, a 8,2 punti e 5,2 assist di media, e 16 di EuroCup (6,4 punti e 4,1 assist per partita), raggiungendo la finale in entrambe le manifestazioni. Chiusa l’esperienza universitaria a Seton Hall, ha giocato in Turchia (Antalya e Mersin Buyuksehir Belediye), Portorico (Mets de Guaynabo), Repubblica Dominicana (Huracanes del Atlantico), Francia (JL Bourg), Germania (Skyliners Francoforte, vincendo la FIBA Europe Cup) e di nuovo Turchia (Banvit, vincendo il titolo nel 2017 e raggiungendo la finale di Basketball Champions League), prima di arrivare in Italia, a Milano. Con la maglia dell’Olimpia, nella stagione 2017/18, ha giocato 20 partite di Serie A e 23 di Eurolega e vincendo scudetto e Supercoppa. Infine, prima del trasferimento a Kazan, il playmaker ha vestito anche le maglie di AEK Atene (Grecia), con cui ha vinto da MVP la Coppa intercontinentale 2019, e Besiktas (Turchia).

Ko casalingo in Eurocup

Una tripla di Harris sulla sirena finale regala a Bourg en Bresse la vittoria al Taliercio nella prima giornata di ritorno della fase a gironi di 7Days EuroCup. Non riesce dunque all’Umana Reyer la concretizzazione di una bella rimonta, che l’aveva portata nell’ultimo quarto a passare in vantaggio anche di 3 punti dopo essere stata sotto di 10.

In attesa di Theodore e Morgan, presenti sia pure in borghese per la prima volta da orogranata al Taliercio, restano fuori Daye (che sta lavorando per recuperare dal problema alla schiena) e Sanders (sospeso). Oltre a Cerella e Phillip, torna invece a disposizione dopo il Covid anche Brooks. In quintetto partono De Nicolao, Tonut, Bramos, Mazzola e Watt. All’iniziale gioco da 3 di Pelos rispondono De Nicolao con un gioco da 4 e Bramos con la tripla del 7-3 all’1’30”. I francesi cercano di attaccare il ferro, l’Umana Reyer fa circolare bene la palla e colpisce dall’arco con buone percentuali: al 3’30” è 12-7 con la nuova tripla di De Nicolao. Il finale di quarto è però tutto francese, con gli ospiti avanti 22-23 al primo intervallo.

Il break di Bourg prosegue in avvio di secondo periodo fino allo 0-12 che significa 22-29 al 12′. Phillip, da 3, torna a segnare per l’Umana Reyer dopo 3’40” e, sempre dall’arco, Stone ristabilisce il -4 (28-32) al 14′, prima del bonus speso dagli orogranata. Il parziale veneziano arriva a 6-0 con il gioco da 3 punti di Echodas a metà quarto (31-32), anche se Bourg esce bene dal time out, tornando avanti di 7 al 16′ (31-38). Dal 35-45, negli ultimi 46” secondi del primo tempo è infine Tonut a limare sul 39-45 all’intervallo lungo.

Il secondo tempo si apre con il 39-47 di Harris, poi l’Umana Reyer si riavvicina a un solo possesso con l’accelerazione di Tonut e la tripla di Bramos (44-47 al 22’30”). Il -3 si ripete al 24′ (47-50), grazie a un Watt che riesce ad avere una bella fiammata in un match in cui i raddoppi francesi riescono spesso a limitarlo, e al 25’30” con la tripla di Brooks.  Ancora una volta, comunque, il finale di periodo è degli ospiti, che arrivano al 30′ sul 57-64.

La partita si fa sempre più tesa, con gli orogranata al bonus dopo 3′, ma anche al pareggio a quota 67 al 33’30” grazie al libero di Echodas e alla tripla di Vitali dopo il fallo in attacco di Williams portato a casa dal lungo lituano. Vitali finisce il match per 5 falli al 36’30” e Courby, dalla lunetta, impatta sul 71-71 dopo il time out orogranata. Anche gli ospiti spendono il bonus, ma tornano in vantaggio al 37′ sul 73-74 e allungano sul 73-76 al 38′, ma con un’ottima circolazione l’Umana Reyer costruisce al 39′ la tripla del 76-76 di De Nicolao.L’ultimo possesso è francese: sbaglia Harris, ma la rimessa è confermata con l’instant replay per Bourg con 1” e 9 decimi a disposizione e così Harris, sulla sirena, mette la tripla della vittoria per 78-81.

Il tabellino

Parziali: 22-23; 39-45; 57-64

Umana Reyer: Stone 3, Bramos 8, Tonut 22, De Nicolao 10, Phillip 3, Echodas 8, Mazzola 6, Brooks 3, Cerella, Vitali 8, Watt 7. All. De Raffaele.
Bourg en Bresse: Sulaimon 12, Chassang 7, H. Benitez, Courby 2, Harris 19, Pelos 13, Jones 10, Williams 11, Roos, Julien 7. All. Legname.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Reyer Venezia, ecco chi è il nuovo acquisto Jordan Theodore

Today è in caricamento