rotate-mobile
Sabato, 22 Gennaio 2022
Calcio

Contagi e pressioni europee: la Coppa d’Africa è di nuovo a rischio

Non c'è pace per la Coppa D'Africa che rischia di essere ancora una volta rinviata

Il tempo stringe ed è arrivato il momento decisivo per la Coppa D’Africa. La manifestazione, rinviata già l’anno scorso a causa del COVID-19, potrebbe non giocarsi nemmeno tra gennaio e febbraio prossimo. Il Comitato Organizzatore si è detto sicuro nei giorni scorsi che il torneo si giocherà senza problemi, ma le ultime novità potrebbero cambiare tutto.

Un voto per la Coppa d’Africa

Nei giorni scorsi si è tenuta una riunione tra i membri della CAF, la Federazione Calcistica Africana, in cui tutti hanno votato alla fine per non rinviare ancora la Coppa. Il Continente spinge per giocare, d’altronde è il torneo più importante e poi sia gli Europei che la Coppa America la scosa estate sono stati disputati. Il prblema è che al contrario delle due manifestazioni appena citate, la Coppa d’Africa si disputa nel mezzo della stagione del calcio europeo. 

I top club del Vecchio Continente stanno facendo pressioni sulla FIFA per intervenire e non far giocare il torneo. Il motivo è semplice: i giocatori che dovrebbero partire il 27 dicembre per i ritiri, potrebbero restare fuori causa per oltre 50 giorni visto che quasi tutti i Paesi dell’Europa impongono dieci giorni di quarantena per chi rientra dal Camerun, Paese in cui verrà giocato il torneo. Quindi facendo un rapido calcolo chi arriva in finale parte il 27 gennaio, gioca fino al 6 febbraio e torna a disposizone intorno al 16 dello stesso mese. Un periodo lungo che toglierebbe la possibilità ai giocatori di essere schierati nelle gare di andata degli scontri di Champions ed Europa League. 

Per questo l’Europa fa pressioni e Infantino, presidente FIFA, ha chiesto al president della CAF di riproporre la questione alle nazioni partecipanti. Mercoledì ci sarà un nuovo voto in cui si deciderà se la competizione andrà in scena oppure no. A pesare potrebbe essere anche la situazione dei contagi da COVID con la variante Omicron che purtroppo ha rialzato la curva in tutto il mondo. Alle società europee a questo punto non resta che attendere, con il fiato sospeso, la decisione di mercoledì.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Contagi e pressioni europee: la Coppa d’Africa è di nuovo a rischio

Today è in caricamento