rotate-mobile
Giovedì, 19 Maggio 2022
Europei 2012

Euro 2012, Ucraina: per Shevchenko è l'ultima chance

Mentre si preparano alla prima fase finale nel torneo da nazione indipendente, i padroni di casa hanno fissato un obiettivo minimo secondo Oleh Blokhin: la qualificazione dal Gruppo D

Avendo raggiunto i quarti di finale ai Mondiali del 2006 (eliminati dall'Italia), i padroni di casa sperano di andare ancora più avanti a Euro 2012. Secondo Oleh Blokhin, tornato in panchina dopo due anni turbolenti in cui si sono avvicendati diversi allenatori, l'obiettivo minimo è la qualificazione dal Gruppo D. Sarà l'ultima chance per Andriy Shevchenko, Anatoliy Tymoshchuk e Olexandr Shovkovskiy; per giocatori come Yaroslav Rakitskiy, Andriy Yarmolenko e Yevhen Konoplyanka potrebbe invece essere solo l'inizio.

L'ALLENATORE - Oleh Blochin, che da poco ha rinnovato il contratto con la nazionale ucraina, dopo la mancata qualificazione al campionato d'Europa 2008 rassegnò le dimissioni dalla panchina della Nazionale e venne successivamente ingaggiato come tecnico dall'FC Mosca. Ci ha pensato poi Myron Markevych a guidare l'Ucraina a tre vittorie e al pareggio per 1-1 contro l'Olanda prima di lasciare per passare sulla panchina dell'FC Metalist Kharkiv nell'agosto del 2010. Yuriy Kalitvintsev ha ottenuto una vittoria in otto partite come Ct ad interim prima di lasciare spazio a Blokhin.  Il 27 novembre del 2008 Blokhin lascia l'FC Mosca e il 21 aprile 2011 torna ad allenare la nazionale ucraina.

IL PERCORSO - Come paese ospitante, l'Ucraina, non ha dovuto qualificarsi per gli Europei. La nazionale gialloblu non si è mai qualificata come nazione indipendente, ma è arrivata a soli 12 minuti da Euro 2000. Dopo essersi vista negare la qualificazione automatica per un pareggio all'ultima giornata contro la Russia, si stava qualificando per la regola dei gol in trasferta contro la Slovenia fino al gol di Miran Pavlin che condannò Sheva e compagni.

Euro 2012, le foto ufficiali degli stadi

LA STELLA - "Il fenomeno lascialo là, qui c'è Sheva". Era questo il coro che una volta cantavano i tifosi del Milan ad Andriy Shevchenko il giocatore ucraino per antonomasia capace di vincere tutto con il club rossonero e con la Dinamo Kiev anche se, va ricordato, con il Chelsea non ha avurto la stessa fortuna. Sheva è diventato il primo giocatore ucraino a raggiungere le 100 presenze in nazionale l'8 ottobre 2010 in occasione del pareggio contro il Canada.

CONSIGLI PER GLI ACQUISTI - Andriy Yarmolenko, classe '89, è il futuro del calcio ucraino. Giocatore di prospettiva dell'alto dei suoi 189 centimetri nel 2010 è stato inserito nella lista dei migliori calciatori nati dopo il 1989 stilata da Don Balón può giocatore da attaccante o trequartista. Artem Milevskyj è tanto talentuoso quanto discontinuo. Anche lui, ovviamente, nasce dal vivaio della Dinamo Kiev e in prima squadra ha già segnato 51 reti in 152 gare. A proposito di giovani il portiere Maksym Koval è un classe '92 e dopo un'esperienza in Belgio è diventato il numero uno della Dinamo. Da tenere sotto controllo.

LA ROSA - Blokhin ha una nazionale con del talento e non si nasconderà di certo. Il suo 4-4-2 è puntellato da Voronin e Shevchenko che là davanti gantariscono esperienza e gol. Portieri: Oleksandr Goryainov (FC Metalist Kharkiv), Maxym Koval (FC Dynamo Kyiv), Andriy Pyatov (FC Shakhtar Donetsk). Difensori: Bohdan Butko (FC Illychivets Mariupil), Olexandr Kucher (FC Shakhtar Donetsk), Taras Mikhalik (FC Dynamo Kyiv), Yaroslav Rakitskiy (FC Shakhtar Donetsk), Yevhen Selin (FC Vorskla Poltava), Yevhen Khacheridi (FC Dynamo Kyiv), Vyacheslav Shevchuk (FC Shakhtar Donetsk). Centrocampisti: Olexandr Aliyev (FC Dynamo Kyiv), Denys Garmash (FC Dynamo Kyiv), Oleh Gusev (FC Dynamo Kyiv), Yevhen Konoplyanka (FC Dnipro Dnipropetrovsk), Serhiy Nazarenko (SC Tavriya Simferopol), Ruslan Rotan (FC Dnipro Dnipropetrovsk), Anatoliy Tymoshchuk (FC Bayern München), Andriy Yarmolenko (FC Dynamo Kyiv). Attaccanti: Andriy Voronin (FC Dinamo Moskva), Marko Devic (FC Shakhtar Donetsk), Artem Milevskiy (FC Dynamo Kyiv), Yevhen Seleznyov (FC Shakhtar Donetsk), Andriy Shevchenko (FC Dynamo Kyiv).

LA PROSPETTIVA - Ok Blokhin ha detto che vuole superare la fase a gironi, ma nel gruppo D ci sono Inghilterra, Francia e Svezia: non proprio una passeggiata. La spinta di casa sarà fondamentale ma il segreto starà nel vincere la prima partita contro la Svezia, altrimenti saranno guai seri.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Euro 2012, Ucraina: per Shevchenko è l'ultima chance

Today è in caricamento