Martedì, 19 Ottobre 2021
L'analisi

Italia, il bis è possibile: tre motivi per cui gli azzurri possono vincere la Nations League

La formazione di Roberto Mancini sogna un altro titolo da mettere in bacheca dopo il trionfo ad Euro 2020

Vivere altre notti magiche. Questo l'obiettivo dell'Italia di Roberto Mancini, che, dopo il trionfo ad Euro 2020, sogna di mettere in bacheca un altro trofeo andando a caccia della Nations League. Gli azzurri, reduci dalla larga vittoria contro la Lituania nelle qualificazioni ai prossimi Mondiali, vogliono infatti dimostrare che il successo dello scorso luglio non è stato frutto del caso, rilanciando ulteriormente le proprie ambizioni in vista di Qatar 2022. Ed i presupposti per fare bene ci sono tutti, anche se la concorrenza, a partire da quella della Spagna, avversaria di Chiellini e compagni nella semifinale di mercoledì 6 ottobre, si preannuncia agguerrita.

Tre motivi per cui l'Italia può vincere la Nations League

La qualità del centrocampo

È stata la forza della nostra Nazionale ad Euro 2020 e potrebbe esserlo ancor di più alle Final Four di Nations League. Sì, perché oltre alle certezze rappresentate da Jorginho, Verratti, Barella e Locatelli, quest'ultimo cresciuto ulteriormente in autostima con il trasferimento alla Juventus, il centrocampo azzurro potrà contare anche su Lorenzo Pellegrini, assente agli ultimi Europei a causa di un problema muscolare. E proprio il giocatore della Roma è forse al momento il centrocampista più in forma a disposizione di Mancini, come dimostrano le quattro reti già realizzate in campionato ed un ruolo ormai da leader alla corte di José Mourinho.

Gli strappi di Chiesa

Decisivo già ad Euro 2020, Federico Chiesa sta continuando nel proprio percorso di crescita, con un impatto sempre maggiore nelle sorti dei match da lui giocati. Imprendibile a campo aperto e devastante quando si accende, è ad oggi uno dei migliori esterni d'attacco sul panorama mondiale: con le sue giocate può far svoltare anche le gare più sofferte, come dimostrato proprio nella semifinale contro la Spagna degli ultimi Europei. Un'arma potenzialmente letale per gli avversari.

Le parate di Donnarumma

L'impatto con il Paris Saint-Germain non è stato certo dei migliori, con il tecnico Pochettino che lo ha mandato spesso in panchina preferendogli l'esperto Keylor Navas, ma le qualità di Gigio non sono in discussione. Semplicemente perfetto ad Euro 2020, quando ha tenuto a galla gli azzurri nei momenti di maggior difficoltà nelle sfide contro Austria, Belgio e Spagna. Fondamentale, poi, nei calci di rigore, come si ricorderanno forse gli inglesi...

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Italia, il bis è possibile: tre motivi per cui gli azzurri possono vincere la Nations League

Today è in caricamento