rotate-mobile
Martedì, 25 Gennaio 2022
Calcio

Atalanta, Zapata sfata il tabù Juventus: la Dea ora deve sognare in grande

Il successo sulla Juventus può aprire scenari importanti per l’Atalanta e con uno Zapata così non ci si può porre limiti.

Vittoria a Torino contro la Juventus come non succedeva dal 1989. L’Atalanta abbatte un altro tabù e se oltre trent’anni fa l’eroe era stato Caniggia, oggi a far esultare i tifosi nerazzurri è il solito Duvan Zapata. Il colombiano firma la rete che vale il successo allo Stadium e l’ulteriore conferma che la Dea cresce sempre di più e può ambire ad ogni traguardo

Atalanta, Zapata supestar con la Juventus

La copertina dell’impresa della banda Gasperini se la prende Duvan Zapata, il suo gol è una coltellata nel fianco di una Juve che risponde solo di pancia e non di testa. Qualche sfuriata, un paio di occasioni, e poco più, di fronte all’Atalanta apparsa ancora più matura che in passato. Gasperini vince una gara che mano a mano che va avanti diventa “sporca” in cui la testa fa la differenza, e questa volta la testa della Dea è quella di una grande squadra, che sofrre, certo, ma alla fine porta a casa i tre punti.

Si diceva di Zapata, ogni squadra che sogna in grande deve avere un bomber infallibile e il colombiano sembra essere arrivato all’ultmo passo della sua maturazione. Sette gol nelle ultime sette partite conditi anche da due assist, da quando è iniziata questa serie la squadra di Bergamo non ha mai perso e adesso si scopre che nelle ultime cinque gare nessno ha fatto meglio di Duvan e compagni in Serie A.

L’Atalanta sogna in grande

Il successo di Torino vale l’ottavo risultato utile conseutivo tra campionato e Champions League e la terza vittorie in fila in Serie A dove, in attesa della gara dell’Inter, l’Atalanta è terza. Settembre e ottobre, storicamente i mesi più difficili di Gasperini sono passati con una Dea altalenante ma più o meno sempre agganciata al treno di testa. Ora è arrivato novembre con il solito decollo, un copione già visto da queste partite e che questa volta potrebbe portare ancora più in alto. 

Napoli e Milan davanti potrebbero non reggere il ritmo avuto fino ad oggi, l’Inter è in crescita, esattamente come i bergamaschi, le altre invece sembrano essere tagliate fuori dalla corsa per il titolo. Insomma il campionato non ha più una regina destinata a staccare le altre come avvenuto nel recente passato, e così l’Atalanta può sognare in grande, anzi deve sognare in grande.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Atalanta, Zapata sfata il tabù Juventus: la Dea ora deve sognare in grande

Today è in caricamento