Venerdì, 19 Luglio 2024
Calcio

Juventus, rischio esclusione dalle coppe: quando arriverà la sentenza Uefa

Nessuna penalizzazione per la manovra stipendi, ma il futuro europeo dei bianconeri rimane a rischio

Multa di 718.240 euro e nessun punto di penalizzazione. Così si è chiuso nella giornata di ieri, martedì 30 maggio, il secondo filone del processo sportivo sulla manovra stipendi della Juventus. Il Tribunale federale nazionale della Figc ha infatti accolto il patteggiamento tra club bianconero e procura, mentre andrà a processo Andrea Agnelli, che non ha voluto sottoscrivere la rinuncia al ricorso per le plusvalenze (hanno patteggiato, invece, tutti gli altri ex dirigenti juventini). La Vecchia Signora, ad una giornata dal termine del campionato, mantiene quindi la settima posizione in classifica, che significherebbe qualificazione alla prossima edizione della Conference League.

Il futuro europeo della Juventus, tuttavia, rimane in bilico: sulla posizione del club deve infatti ancora esprimersi la Uefa, con i bianconeri sotto inchiesta per la presunta violazione del fair play finanziario e, in particolare, del settlement agreement stipulato a settembre 2022, che ha permesso alla Vecchia Signora di pagare 3,5 milioni di multa invece di 23. Nel mirino della Uefa ci sarebbero le basi stesse di quell'intesa, che, se dovessero essere giudicate non veritiere, porterebbero a una sanzione, con la Juventus che rischierebbe da un'ammenda fino all'esclusione dalle coppe per almeno una stagione.

Una decisione da parte dell'organo di controllo dovrebbe arrivare entro metà giugno, a cui seguirebbero eventualmente appello e, in terzo grado, il Tas. Il tutto con celerità, dati i tempi stretti per una presa di posizione sia in un senso che nell'altro. Sul giudizio, inoltre, potrebbe pesare anche la questione Superlega: la Juventus non ha infatti mai rinnegato il proprio sostegno al progetto, con la Corte UE chiamata ad esprimersi sulla questione entro la fine dell'estate. La posizione finale in campionato, in ogni caso, rimane importante: la qualificazione alle Coppe 2023-2024 serve per 'smaltire' subito l'eventuale cartellino rosso della Uefa, che non viene applicato in caso di mancata partecipazione sulla base della classifica. Se una squadra chiude il campionato a metà classifica, in sostanza, la punizione della Uefa slitta alla prima stagione impreziosita dalla qualificazione.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Juventus, rischio esclusione dalle coppe: quando arriverà la sentenza Uefa
Today è in caricamento