Giovedì, 28 Ottobre 2021
Calcio

Verso Lazio-Lokomotiv, Sarri: "Il derby è il passato, ci attende una sfida delicata"

Il tecnico biancoceleste archivia in maniera definitiva il successo con la Roma ed accende i riflettori sull'impegno di Europa League: "E' una squadra difficile da affrontare, l'ho battuta con la Juventus ma soffrendo"

Dopo aver corretto la rotta in campionato, ed averlo fatto nel modo più gratificante possibile rappresentato da un successo nel derby, la Lazio cerca di fare altrettanto in campo continentale. Dove la situazione resta comunque fluida, perché nella giornata inaugurale del girone di Europa League, Lokomotiv Mosca e Marsiglia hanno pareggiato compattando la graduatoria alle spalle della capolista turca.

Il tecnico Sarri nella conferenza stampa pre-match archivia in maniera definitiva il capitolo derby (“Non mi interessa più parlarne, perché rappresenta il passato. Rigore su Zaniolo? Non poteva essere rigore perché era in fuorigioco e rivedendo più volte le immagini mi pare che sia stato lui a colpire Akpa Akpro”) e accende i riflettori sulla sfida europea contro la formazione russa. “E’ un match che rappresenta un test importante - ha commentato Sarri - perché un derby ti dà tante motivazioni per affrontare l’impegno nel migliore dei modi, trovarne con continuità per mesi è una cosa che riesce ai vincenti. Ho chiesto alla squadra di concentrarsi sulla Lokomotiv, è una partita delicata: li ho affrontati con la Juventus, in Champions, e sono state due sfide complesse, vinte soffrendo all’andata in rimonta con due tiri da fuori di Dybala, ed al ritorno con un’invenzione di Douglas Costa. Sì, una squadra difficile da affrontare”.

Ed a confermare quanto dichiarato dal tecnico biancoceleste ci sono i recenti feedback offerti dal campionato russo. In cui la Lokomotiv è al terzo posto, a sei lunghezze dalla capolista Zenit con cui condivide l’imbattibilità nel torneo, e con la miglior difesa della Prem'er-Liga perforata appena sei volte nelle nove partite sin qui disputate (due pareggi a reti bianche negli ultimi due turni).
Una gara che non solo deve confermare quanto di buono fatto vedere dalla Lazio nella stracittadina dell’Olimpico, ma anche dare maggiori riscontri su una solidità difensiva che, al momento, è da rivedere. Mai le squadre di Sarri, nella disamina delle stagioni che hanno visto il tecnico sulla panchina di una squadra di massima serie, avevano subito così tante reti: 8 nel 2014/2015 quelle incassate dall’Empoli, 7 nel 2015/2016 dal Napoli, 4 in Premier nel 2018 dal Chelsea e uno in più la stagione successiva dalla Juventus. A Roma, siamo già a nove in sei gare e nessun incontro concluso con lo zero alla voce reti subite.
Blindare la porta, insomma, sembra essere il successivo passo nella strada che porta la Lazio al salto di qualità già compiuto negli altri reparti nella sfida contro la Roma. Cominciando subito, in Europa League, in un girone complesso in cui un altro passaggio a vuoto – dopo quello col Galatasaray - potrebbe accrescere le difficoltà di qualificazione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Verso Lazio-Lokomotiv, Sarri: "Il derby è il passato, ci attende una sfida delicata"

Today è in caricamento