Venerdì, 7 Maggio 2021

Il Barça aspetta Messi: sono ore decisive. Dal muro contro muro passa l'assalto delle big alla Pulce

C'è il rischio del muro contro muro. Il Barcellona lo aspetta in ritiro, la Pulce invece cerca altri stimoli

La notiza che arriva dalla Catalogna non fa dormire sonni tranquilli ai tifosi blaugrana. Secondo RAC1, la principale emittente radiofonica catalana, Lionel Messi non si presenterà nel ritiro del club. Il Barcellona ha messo in calendario una serie di test per capire se all'interno della rosa sono presenti calciatori positivi al Covid-19. Messi è pronto - secondo RAC1 - a dire no al tampone. E' chiaro che saltare l'appuntamento comporterebbe il muro contro muro, lo scontro che produrrebbe come risultato una cessione sempre più imminente e che ad oggi è voluta dall'argentino ma non dal Barcellona.

Il contratto con il Barça è in scadenza nel giugno 2021 e in base agli accordi presi l'argentino potrebbe liberarsi grazie ad una postilla senza dover andare incontro ad alcuna penale. Il club catalano proverà a fare un tentativo nelle prossime ore, soprattutto mister Koeman che sicuramente vorrà puntare sull'argentino per aprire il nuovo corso.

Di fatto però Messi sembra lasciar intendere il cambio di maglia. I nomi delle pretedenti sono ormai noti nonostante poi certe situazioni sia più o meno attendibili.

Di sicuro lo è il Manchester City del mentore Guardiola che non ha certo problemi di natura economica per dare a Messi un ingaggio stellare. Tra l'altro nelle ultime ore Augero, amico della Pulce, ha modificato il proprio account Instagram togliendo dal nome il numero 10. Un indizio, secondo alcuni, anzi un assist per l'arrivo di Messi liberando la maglia più affascinante.

C'è l'Inter di Antonio Conte che aveva proiettato sul Duomo un calciatore che ricordava l'esultanza di Messi. In questo caso l'aiuto potrebbe arrivare dalle norme italiane che alleggerirebbero la spesa per l'ingaggio della Pulce in termini di tassazione. Un'operazione simile a quella che la Juventus mise in piedi per Cristiano Ronaldo. Da non sottovalutare che il padre della stella argentina ha comprato casa nel capoluogo lombardo ed ha aperto anche una partita IVA in Italia. Altri segnali che fanno sognare i tifosi interisti e anche quelli italiani perchè proporre in serie A lo scontro Cr7-Messi sarebbe un bel vedere.

Occhio però al Paris Saint Germain. Un altro club con pochi problemi economici dove Neymar è l'amico che lasciò Barcellona restando nel cuore di Messi. Un affetto reciproco che in chiave mercato, oltre al denaro, può fare la differenza. Nelle ultime ore c'è chi ha ipotizzato uno scenario di 'fantamercato' e cioè una Juventus che gurda a Messi che veste a livello personale lo stesso sponsor di squadra della Juventus. Difficile, molto difficile che ciò avvenga considerando gli altri obiettivi del club piemontese. Solo rumors, ma d'altronde parlando di un campione così, in grado di smuovere cifre milionarie e l'attenzione di un mare di tifosi, è normale che circolino in attesa di capire quale sarà il prossimo capitolo della storia.

Continua a leggere su Today.it

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Barça aspetta Messi: sono ore decisive. Dal muro contro muro passa l'assalto delle big alla Pulce

Today è in caricamento