Domenica, 17 Ottobre 2021
L'analisi

Tre motivi per cui il Milan può battere l'Atletico Madrid

Sfida di fuoco per i rossoneri in Champions League: a San Siro arrivano gli spagnoli di Diego Simeone

Un'altra sfida di fuoco da vivere tutta d'un fiato per il Milan di Stefano Pioli. I rossoneri, dopo aver già affrontato ad Anfield il Liverpool, con la partita poi terminata sul punteggio di 3-2 in favore dei Reds, si apprestano ad ospitare a San Siro l'Atletico Madrid nella seconda giornata del girone B di Champions League. Un match il cui pronostico pende dalla parte degli spagnoli, ormai diventati una vera e propria realtà a livello europeo sotto la guida di Diego Simeone, ma nel quale il Diavolo, in costante crescita negli ultimi due anni, non parte affatto già battuto in partenza, anzi. Ecco tre motivi per cui il Milan può sperare nel colpaccio.

Gioventù e freschezza

L'età media dei rossoneri è tra le più basse in assoluto tra le squadre di Serie A, con diversi giovanissimi, come Tomori, Tonali, Saelemaekers, Brahim Diaz e Leao pienamente al centro del progetto di Pioli. Se da un lato questo può causare un deficit in termini di esperienza, dall'altro assicura quella freschezza e vivacità dal punto di vista atletico indispensabile per competere a livello europeo. Spesso, infatti, le squadre italiane hanno sofferto il maggior ritmo delle big d'Europa, abituate a giocare a maggiori intensità. Il Milan, da questo punto di vista, sembra invece non avere problemi così grandi, proprio grazie alla gioventù della propria rosa.

Daniel Maldini, in gol al debutto da titolare: un destino scritto nel cognome

Attacco letale

Il 4-2-3-1 è un modulo ormai pienamente collaudato da Pioli, con meccanismi offensivi che girano ormai praticamente alla perfezione. I suoi giocatori, nella metà campo avversaria, giocano a memoria, sfruttando al meglio le caratteristiche di ciascun interprete. Non è un caso che il Milan, fin qui, sia sempre andato a segno nel corso di questa stagione, anche nella soffertissima gara di Anfield contro il Liverpool, dove i rossoneri, malgrado la mole di gioco superiore mostrata dai Reds, erano riusciti persino a passare in vantaggio sfruttando al meglio i propri spunti offensivi.

Saracinesca Maignan

Il portiere, in partite che si preannunciano combattute e a tratti sofferte come quella da cui sono attesi i rossoneri, ricopre un ruolo fondamentale. Maignan, in questo avvio di stagione, ha dimostrato di essere un estremo difensore di primissimo livello, tanto da non far rimpiangere l'addio di Gianluigi Donnarumma. Al francese, arrivato in estate dal Lille, spetterà il compito di mantenere a galla i suoi negli inevitabili momenti di difficoltà.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tre motivi per cui il Milan può battere l'Atletico Madrid

Today è in caricamento