rotate-mobile
Sabato, 22 Giugno 2024
Calcio

PSG, Galtier già a rischio: i possibili sostituti

La breve esperienza di Galtier sulla panchina del PSG potrebbe concludersi nelle prossime settimane e ci sono già i nomi dei possibili sostituti. 

In Francia lo dicono da tempo, Galtier è appeso un filo e il PSG potrebbe cambiare ancora una volta allenatore a stagione in corso. Arrivato il 5 luglio per far partire un progetto tutto nuovo, con meno e stelle e più giovani, ha passato senza problemi il girone di Champions League ma dopo la partenza a razzo anche in campionato non è riusito a scrollarsi di dosso la concorrenza. I parigini sono primi con cinque punti di vantaggio sull'Olympique Marsiglia e domenica al Velodrome c'è lo scontro diretto a cui la capolista arriva dopo il successo all'ultimo secondo 4-3 con il Lille e una settimana da incubo con tre sconfitte, la prima che ha segnato l'eliminazione dalla Coppa di Francia proprio con l'OM, la seconda in Champions League con il Bayern Monaco e la terza in campionato con il Monaco. 

PSG, Galtier verso l'esonero: tre i possibili sostituti

Per Galtier è scoccata l'ora decisivia per tenersi stretta la panchina dovrà prima battere l'Olympique, poi ripetersi con il Nantes per accelerare verso il titolo in Ligue 1, ma soprattutto non dovrà fallire a Monaco contro il Bayern nel ritorno degli ottavi di finale di Champions. Proprio quei novanta minuti secondo la stampa transalpina saranno decisivi, se il PSG verrà eliminato l'esonero potrebbe diventare realtà. 

I nomi dei possibili sostituti sono tre, ma uno sembra essere in pole position: Thomas Tuchel. Sarebbe un ritorno per il tecnico, unico ad essersi davvero avvicinato alla Champions League con i pargini perdendo la finale nel 2020, e cacciato senza un valido motivo. L'errore della società è stato confermato dai fatti visto che Tuchel l'anno dopo ha alzato la Coppa dalle grandi orecchie con il Chelsea confermandosi un tecnico di altissimo valore. Ora è libero e potrebbe tornare per prendersi la sua rivincita.

Nelle ultime settimane sembra aver perso quota la candidatura di Zidane che dopo aver aspettato invano la Nazionale francese è pronto a tornare in pista. Specialista della Champions League, ne ha vinte tre di fila con il Real Madrid, per il PSG al momento non è una prima scelta. Discorso simile per Mourinho che tra l'altro è l'unico attualmente impegnato su un'altra panchina, quindi nel caso la società francese volesse puntare su di lui dovrebbe aspettare la prossima estate. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

PSG, Galtier già a rischio: i possibili sostituti

Today è in caricamento