rotate-mobile
Giovedì, 27 Gennaio 2022
Champions League

Real Madrid-Inter, perché i nerazzurri possono espugnare il Bernabeu

La formazione di Simone Inzaghi a caccia del blitz per conquistare il primo posto nel girone

Novanta minuti per cercare di conquistare il primato. L'Inter, già certa della qualificazione agli ottavi, farà visita al Real Madrid nell'ultima giornata del girone D di Champions League con l'obiettivo di fare il blitz per scalzare i blancos, attualmente a +2 dai nerazzurri, dalla vetta. Una missione non certamente semplice, ma che sembra alla portata della formazione di Simone Inzaghi. Dzeko e compagni, nelle ultime settimane, hanno infatti mostrato una crescita esponenziale non solo in campionato, dove si sono portati ad appena una lunghezza di distanza dal primo posto grazie alle ultime quattro vittorie consecutive, l'ultima delle quali conquistata sul campo della Roma, ma anche in Europa, dove hanno raccolto tre successi di fila dopo un inizio difficile. Un ruolino di marcia che adesso permette all'Inter di sognare il colpaccio al Bernabeu.

Calciomercato Inter, sogno Vlahovic: perché l'affare non è impossibile

Tre motivi per cui l'Inter può battere il Real Madrid

L'attacco atomico

È un attacco che segna a raffica, quello nerazzurro. L'Inter, in campionato, ha realizzato ben 39 reti in appena 16 gare, viaggiando ad una media di ben oltre i due gol a partita. La mole di gioco prodotta dalla squadra di Inzaghi è impressionante, con Dzeko ed il ritrovato Lautaro Martinez pronti a colpire in qualsiasi momento sfruttando al meglio le occasioni create dai compagni. 

La crescita esponenziale di Calhanoglu

Tra i principali protagonisti della crescita di rendimento nerazzurra c'è Hakan Calhanoglu, il cui rendimento è lievitato in modo esponenziale nelle ultime settimane. Momento di svolta, per il turco, sembra essere stato il derby contro il Milan, durante il quale l'ex rossonero è andato a segno dal dischetto. Insieme a Barella e Brozovic, "Calha" forma adesso un reparto che unisce quantità e qualità.

La ritrovata solidità difensiva

L'Inter, dopo una prima parte di stagione caratterizzata da troppe reti subite, ha blindato la propria porta nelle ultime settimane, chiudendo le ultime quattro partite con Handanovic imbattuto. I nerazzurri, dopo un fisiologico periodo di assestamento, sembrano aver trovato il giusto equilibrio tra vocazione offensiva e compattezza difensiva.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Real Madrid-Inter, perché i nerazzurri possono espugnare il Bernabeu

Today è in caricamento