rotate-mobile
Giovedì, 20 Gennaio 2022
Calcio

Tripletta del TAR, Lega-Asl 3-1: si gioca tra domani e lunedì

I tribunali amministrativi di Piemonte, Campania e Friuli Venezia Giulia hanno accolto il ricorso della Lega Calcio. Parere contrario dal Tar dell'Emilia Romagna: il Bologna resta in quarantena

Serie A, si gioca. Il week-end si apre con la notizia del Tribunale Amministrativo del Piemonte che ha accolto il ricorso presentato dalla Lega Calcio e consente così al Torino di allenarsi, sospendendo con effetto immediato gli effetti del provvedimento dell’Autorità Sanitaria che aveva imposto la quarantena agli appartenenti al gruppo squadra venuti a contatto con i positivi al Covid. L’ordinanza risulterebbe illegittima in quanto contrastante con quanto riportato dal Decreto Legge del 30 dicembre, che non prevede obbligo di quarantena per chi ha completato il ciclo vaccinale o è guarito. Il pronunciamento del Tar – firmato dal presidente della prima sezione del Tribunale, Savio Picone - permetterà così il regolare svolgimento del match tra Torino e Fiorentina, valevole per la ventunesima giornata. Da capire se la partita verrà disputata domani – come da calendario – oppure slitterà di ventiquattro ore.

Questo il comunicato del Tribunale Amministrativo:
Va sospesa l’ordinanza della Asl che, accertato che nel “Gruppo Squadra” del Torino F.C. si sono verificati 8 casi di positività al Covid-19, ha disposto il divieto di allontanamento dal domicilio di tutti gli appartenenti al gruppo - prescrivendo l’obbligo di isolamento per i soggetti positivi al tampone e, al contempo, il divieto generalizzato di allontanamento dal domicilio per i soggetti asintomatici (vaccinati e non vaccinati) - e non soltanto gli 8 soggetti sottoposti ex lege a quarantena, ma anche i soggetti sottoposti al regime di autosorveglianza disciplinato dall’art. 2 del d.l. n. 229 del 2021, non consentendo alla squadra del Torino F.C. di “mettersi in bolla” secondo le modalità stabilite dalla circolare del Ministero della salute del 18 giugno 2020, con la conseguenza che la squadra del Torino calcio non può prendere parte alle gare di campionato previste per il 6 gennaio 2022 e per il 9 gennaio 2022. Ad avviso del Tar, che ha deciso in sede monocratica, l’ordinanza della A.S.L. appare illegittima per violazione dell’art. 2, d.l. 30 dicembre 2021, n. 229, nonché della circolare del Ministero della Salute del 18 giugno 2020”.

Sulla stessa lunghezza d’onda le decisioni del Tar di Friuli Venezia Giulia e Campania, che autorizzano pertanto i calciatori risultati negativi al Covid a ricominciare ad allenarsi. E di conseguenza, “sbloccano” anche la situazione legata ai match tra Udinese ed Atalanta e Verona-Salernitana, che tornano nel programma del prossimo turno dopo essere state ad alto rischio di rinvio (anche se potrebbe essere accordato, come nel caso della sfida di Torino, uno slittamento a lunedì, utile per consentire alle società di organizzarsi meglio). Resta più che altro delicata le situazioni della formazione friulana e di quella campana, alle prese con un numero crescente di positivi e pertanto – sulla base dei protocolli della Lega – obbligate a trovare almeno tredici giocatori (tra cui un portiere) per scendere in campo, pescando eventualmente dal serbatoio della Primavera al fine di completare la distinta.

Non si disputerà, invece, l’incontro tra Cagliari e Bologna. Il Tar dell’Emilia Romagna ha respinto il ricorso della Lega Calcio: alla base della decisione, a quanto sembra, la mancata inoculazione della dose “booster” ai giocatori della formazione felsinea, obbligati così a restare in quarantena dopo i contatti con i positivi. Il Bologna ha già provveduto ad inoltrare richiesta di rinvio ed il club sardo ha subito bloccato la vendita dei biglietti. Seguendo le disposizioni Asl, i rossoblu non partiranno per la Sardegna, mentre gli isolani dovrebbero – adeguandosi alle disposizioni attualmente in vigore – presentarsi all’Unipol Domus ed espletare le consuete formalità pre-gara, come già accaduto nelle partite non disputate il giorno dell’Epifania. A meno che non arrivino, nelle prossime ore, nuove direttive volte a disciplinare tali situazioni.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tripletta del TAR, Lega-Asl 3-1: si gioca tra domani e lunedì

Today è in caricamento