rotate-mobile
Mercoledì, 24 Aprile 2024
Calcio

Roma, verso il Feyenoord: cresce l'entusiasmo, si spera in Dybala

Dopo aver colto la terza vittoria consecutiva in campionato, i giallorossi attendono gli olandesi all'Olimpico, ad una settimana di distanza dalla sconfitta di misura a Rotterdam. Abraham - a segno con l'Udinese - ci sarà, per la "Joya" si incrociano le dita

Il week-end pieno di buone notizie predispone, nel miglior modo possibile, a quello che dovrà essere un giovedì da leoni. Le perplessità sulla partita da affrontare contro l’Udinese, a cavallo della sfida di Europa League che mette in palio la qualificazione alle semifinali e pertanto possibile veicolo di distrazione, sono state spazzate via dalla Roma con un 3-0 che vale molto più di quanto non dica il punteggio finale. Innanzitutto è un’affermazione che ha preso forma utilizzando una squadra profondamente mutata: tanti i cambiamenti fatti da Mourinho nell’undici iniziale, in cui sono restati a riposo Ibanez, Spinazzola, Zalewski e Matic, oltre che Dybala ed Abraham. E se da una parte il turn-over è stato utilizzato in più circostanze dal tecnico lusitano, è anche vero che mai quest’anno era uscita sulla ruota giallorossa una vittoria così convincente senza praticamente la metà dei giocatori che abitualmente vengono più utilizzati.

C’è poi il discorso...marcatori che non va tralasciato. Sono finiti sul tabellino un Lorenzo Pellegrini ritornato a timbrare il cartellino dopo diversi mesi (e dopo il rigore fallito a Rotterdam), ma anche un Tammy Abraham a cui è bastato un quarto d’ora per lasciare il segno. E se il graffio dell’attaccante inglese, subentrato al 75’ a Belotti, è senza dubbio di buon auspicio in questo momento della stagione (nella quale, peraltro, la punta scuola Chelsea non ha di certo brillato per continuità realizzativa), vale ancora di più la sua presenza in campo dopo la paura legata al problema alla spalla accusato in Olanda, che ne metteva a rischio la presenza nel return-match di coppa dell’Olimpico. Abraham sembra, invece, aver dato sufficienti garanzie e si candida pertanto a dare il suo contribuito per ribaltare la sconfitta esterna contro il Feyenoord. E si augura di poterlo fare anche Paulo Dybala, per cui cresce l’ottimismo ma sulla cui presenza permangono le riserve: il monitoraggio delle condizioni della Joya è quotidiano, si ipotizza una sua convocazione con un punto di domanda sul suo impiego, anche part-time.

Il lunedì della Roma, quindi, può ritenersi molto soddisfacente. Come lo è d’altronde la classifica: i punti di vantaggio sul quinto posto sono cinque, margine non proprio rassicurante ma che comunque, sommato alle tre vittorie consecutive, permette di inserire i giallorossi tra le formazioni che stanno affrontando nel modo migliore questa primavera. Il countdown, intanto, è già iniziato: Mourinho “vede” la sua dodicesima semifinale continentale, l’Olimpico viaggia verso l’ennesimo tutto esaurito, il popolo romanista crede nel ribaltone e nel sogno europeo. Servirà una vittoria, per saltare l’ostacolo Feyenoord: ed il cammino casalingo spedito in questo 2023 in serie A – sette successi ed una sola sconfitta per un totale di 21 punti, nessuno nei primi cinque tornei del vecchio continente ha fatto meglio – conforta una squadra pronta a spiccare il volo, sulle ali di un entusiasmo che cresce.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Roma, verso il Feyenoord: cresce l'entusiasmo, si spera in Dybala

Today è in caricamento