rotate-mobile
Mercoledì, 21 Febbraio 2024
Calcio

Roma, l'Olimpico è un fortino. Ora, Ginevra e Reggio Emilia per il salto di qualità in trasferta

I giallorossi in casa hanno un rendimento da capolista. Gli impegni esterni sui campi di Servette e Sassuolo saranno invece l'occasione per invertire un trend non troppo positivo lontano dalla Capitale

Taumaturgico e indispensabile, oltre ad essere sistematicamente sold-out. E’ l’Olimpico di Roma nella sua versione giallorossa, divenuto l’autentico fortino della formazione di Mourinho tornata a vedere molto da vicino la zona Champions. D’altronde, i numeri parlano chiaro: solo la Juventus ha ottenuto un rendimento migliore davanti al pubblico di casa, con 17 punti messi in cassaforte in sette gare e zero sconfitte. Uno in più della Roma, che nel suo stadio non perde dal 1° settembre e detiene anche il record di gol casalinghi realizzati in Serie A (ben 18, seguita dall’Inter a 17).

I numeri 17 e 16 ricorrono anche nell’analisi del rendimento di ottobre e novembre, in cui i giallorossi hanno cominciato la rimonta buona per ritrovare a portata di tiro il quarto posto: sono infatti rispettivamente il bottino di punti delle migliori (Inter e Juventus) nelle ultime sette gare, e quello della Roma che è stata capace di tenere il passo delle formazioni che si contendono il vertice della graduatoria. Sin qui, le note liete. La parentesi meno...gradevole arriva del rendimento esterno, che invece è ben distante da quello delle squadre che gravitano in orbita Champions. Appena cinque i punti presi in sei trasferte, con l’unica gioia arrivata nella sfida di Cagliari: troppo poco, per pensare di continuare a marcare stretto il poker di testa.

Ecco perché la doppia sfida in calendario in settimana assume i contorni di prova del nove per la Roma. Prima Ginevra, nella quinta partita proposta dal girone di Europa League, determinante per continuare a sperare di chiudere la Pool G davanti allo Slavia Praga e non passare attraverso la spareggio per accedere alla fase ad eliminazione diretta. Quindi il match del Mapei Stadium, contro un Sassuolo che non vince davanti al suo pubblico da oltre un mese (due k.o. e due pareggi, tre contando quello in Coppa Italia con lo Spezia poi sconfitto ai rigori). Qualcosa di più di due buone occasioni per invertire in trend in trasferta: due esami da superare per cominciare ad imprimere una svolta alla stagione, conferendo continuità alla spedita marcia casalinga. E far sì che concludere la stagione in uno dei primi quattro posti, traguardo che manca da un lustro, diventi un obiettivo legittimamente perseguibile.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Roma, l'Olimpico è un fortino. Ora, Ginevra e Reggio Emilia per il salto di qualità in trasferta

Today è in caricamento