rotate-mobile
Venerdì, 19 Aprile 2024
La malattia / Regno Unito

Il calciatore Ross Larkin rivela: "Tumore al cervello, un solo sintomo e mi sono ritrovato in ospedale"

Il 23enne nordirlandese, promettente difensore del Linfield, era scomparso dai radar da fine 2021. Oggi racconta lui stesso di essere stato sottoposto a intervento chirurgico, radioterapia e chemioterapia. Ora guarda avanti, non è chiaro se potrà tornare in campo: "Ma sono più forte"

Il calciatore nordirlandese del Linfield, Ross Larkin, dice di sentirsi fortunato a essere vivo dopo aver scoperto di avere un tumore al cervello. Il 23enne di Newry, nella contea di Down, è stato sottoposto a intervento chirurgico, radioterapia e chemioterapia. La notizia della malattia era stata tenuta riservata. Il difensore dell'Under 21 dell'Irlanda del Nord spera ora di recuperare completamente, ma non è chiaro se potrà tornare a giocare ad altissimo livello. Intanto si allena per rimettersi in forma e parteciperà alla Belfast City Marathon.

La diagnosi risale a poco prima di Natale nel 2021. Per proteggere la sua privacy, la sua squadra aveva semplicemente rilasciato un comunicato in cui spiegava che il centrocampista era in ospedale per una "procedura medica". Si trattava di un'operazione al cervello. Nella prima intervista in cui ha parlato della malattia, Larkin ha detto a BBC News North Ireland: "Grazie a Dio l'intervento ha avuto successo. Non avevo avuto alcun sintomo e improvvisamente mi sono ritrovato ricoverato in ospedale per un tumore al cervello. Non potevo crederci. La mia famiglia non poteva crederci. È stato difficile da accettare".

A soli 22 anni ha temuto il peggio. Si era appena laureato in gestione aziendale e aveva un contratto a tempo pieno con il più grande club di Belfast, nella prima serie del campionato nazionale. Il giorno stesso della laurea, ha iniziato a sentirsi male. "Ho avvertito una pressione al lato dell'occhio e ho perso la visione periferica", ricorda oggi. Si pensava a un ictus, ma gli esami diagnostici hanno evidenziato un tumore al cervello; si temeva fosse incurabile.

Ulteriori test hanno evidenziato che un trattamento si poteva tentare. Dopo l'intervento alla vigilia di Natale è iniziato un periodo di radioterapia quotidiana e poi di chemioterapia. Si trattava di un oligodendroglioma di terzo grado. "È una malattia così rara e il fatto che sia successo a me è stato difficile da sopportare", ha detto il giovane calciatore. "Ma l'ho superato e ora sono più forte per questo".

Larkin si dice grato allo staff medico che gli ha salvato la vita, alla sua famiglia e ai suoi amici. Ha anche ricevuto un supporto costante dal Linfield e dal manager David Healy. In futuro si vederà se potrà tornare a giocare a calcio. Ora la preparazione per la maratona del 30 aprile gli ha dato un nuovo obiettivo su cui lavorare. Spera di raccogliere fondi per l'ente di beneficenza Brainwaves NI, e spera di vincere la maratona.

Sorride Ross Larkin, sorride alla vita.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il calciatore Ross Larkin rivela: "Tumore al cervello, un solo sintomo e mi sono ritrovato in ospedale"

Today è in caricamento