rotate-mobile
Giovedì, 20 Gennaio 2022
Calcio

La corsa Scudetto si tinge di nerazzurro, a Milan e Napoli serve una scossa

La diciassettesima giornata di Serie A mischia ancora le carte nella corsa Scudetto che coinvolge Inter, Milan, Atalanta e Napoli

Inter 40, Milan 39, Atalanta 37 e Napoli 36. La nuova classifica di Serie A dopo la giornata numero diciassette è questa e ragala nuove sensazioni a chi lotta per vincere lo Scudetto. L’Inter strapazza il Cagliari, infila la quarta vittoria di fila e torna in cima alla graduatoria, il bis è possibile anche senza gli strapagati Conte, Lukaku e Hakimi. Il progetto di Simone Inzaghi è definitivamente decollato, i nerazzurri giocano meglio dell’anno scorso, hanno il miglior attacco del torneo con 43 reti e la seconda miglior difesa. Numeri che raccontano solo in parte quanto questa squadra sia cresciuta negli ultimi mesi. Ad oggi forse è davvero la favorita per lo Scudetto. 

Inter e Atalanta volano, la corsa Scudetto è nerazzurra

I sorrissi di una parte di Milano sono gli stessi di Bergamo. L’Atalanta vince in rimonta sul difficile campo dell’Hellas di Tudor, infila la sesta vittoria di fila in campionato e il sesto successo esterno consecutivo, mai glii era successo in passato. Lontano dal Gewiss Stadium sono 25 punti su 27 disponibili, senza sconfitte, unica formazione in Italia. La Dea arrivava dalla serata da incubo con il Villarreal, ha incassato il colpo, ma poi si è rialzata grazie a Miranchuk e Koopmeiners. Due “riserve”, ma solo per minutaggio. La realtà è che questa Dea è ormai una grande anche per la profondità della sua rosa, quello che è mancato nelle scorse stagioni. Per questo se l’Inter è la favorita per lo Scudetto, la Dea è la prima diretta concorrente. 

La diciassetesima giornata di Serie A lascia invece l’amaro in bocca al Napoli, battuto in casa 1-0 dall'Empoli neopromossa terribile. Gli infortuni pesano come macigni, senza Osimhen, Koulibaly, Lobotka e con Fabian Ruiz, Anguissa e Insigne a mezzo servizio la squadra che ha giocato al Maradona oggi non può essere competitiva per lo Scudetto. Ora bisognerà capire se le assenze sono solo figlie della sfortuna oppure c’è dell’altro, ma bisognerà farlo in fretta perché nelle ultime cinque gare in campionato sono arrivate tre sconfitte, un pari e una vittoria, solo Udinese, Genoa e Salernitana hanno fatto peggio. 

Milan-Napoli è già un bivio importante

Domenica c’è Milan-Napoli e se gli azzurri piangono, i rossoneri non possono di certo sorridere. Ibrahimovic al 92’ ha evitato il ko a Udine, ma Pioli deve iniziare a riflettere. L’infermeria piena pesa e non poco, proprio come sotto il Vesuvio, ma non basta a spiegare l’involuzione rossonera. Champions a parte, nelle ultime sei gare il Diavolo ha battuto solo Salernitana e Genoa, ultima e penultima della classe. Per il resto pareggio nel derby, sconfitta a Firenze e in casa con il Sassuolo e pari in Friuli. Troppo poco per sperare di tenere a lungo il ritmo di Inter e Atalanta. Alle due ex capoliste serve una scossa per tornare a correre, lo scontro diretto di San Siro può darla, ma solo a una delle due.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La corsa Scudetto si tinge di nerazzurro, a Milan e Napoli serve una scossa

Today è in caricamento