rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Calcio

Serie A, dopo le polemiche gli arbitri cambiano rotta sui rigori

Le polemiche sugli arbitri in Serie A sono diventate sempre più roventi con rigori dubbi e tante espulsioni, ora si cambia.

Dopo le ultime due settimane di fuoco è arrivato il momento di cambiare. Gli arbitri sono nel mirino soprattutto degli allenatori, domenica scorsa sono arrivati quattro cartellini rossi per i mister delle squadre di Serie A, probabilmente un record. Da quel momento si sono generate molte polemiche, con Gasperini che è passato subito all’attacco, così come Spalletti anche se in maniera più pacata rispetto al collega. 

Gli arbitri di Serie A cambiano, le regole anti polemiche in Serie A

Al di là dei singoli episodi, di cui si è lamentato anche Andreazzoli nel post Empoli-Inter, tutti i tecnici hanno rilevato una mancanza di comunicazione con le giacchette nere. Per questo nella stanza dei bottoni degli arbitri di Serie A è stata lanciata un nuova direttiva: più comunicazione e meno pugno duro, scelta come strada a inizio stagione per proteggere i direttori di gara più giovani. 

Dovranno parlare di più gli arbitri, spiegando agli allenatori e ai giocatori le proprie scelte, mantenendo sempre la propria autorità in campo, il compito non è per niente facile, ma alla fine è quello che hanno chiesto tutti e quindi anche gli altri interpreti in campo dovranno dare una mano, altrimenti il periodo nero non finirà.

Cambia la linea degli arbitri sui rigori in Serie A

Il secondo grosso cambiamento, rivelato oggi da La Gazzetta dello Sport, sarà sui rigori. La Serie A detiene il record delle massime punizioni in Europa, non tutte sono chiare e lampanti e così si alimentano altre polemiche. Così anche in questo caso dopo dieci giornate cambia la linea: niente più massima punizione per tocchi lievi o peggio per quei falli che arrivano perché è l’attaccante a cercare il difensore e non il contrario. 

Insomma niente più rigore per tocchi lievi, l'infrazione deve essere chiara, annuncio che in realtà era già stato fatto a inizio stagione ma che è  finito nel dimenticatoio in fretta. Su questo aspetto dovrà essere migliore anche il corrodinamento tra l’arbitro in campo e la VAR. Chi è davanti allo schermo dovrà avere lo stesso metro di chi è in campo sempre, in ogni partita e con ogni squadra, altrimenti le polemiche non si placheranno mai.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Serie A, dopo le polemiche gli arbitri cambiano rotta sui rigori

Today è in caricamento