Giovedì, 6 Maggio 2021

Quelle occasioni a parametro zero. Da Pazzini a Mandzukic le occasioni da valutare

Attaccanti, centrocampisti e non solo

Fosse stata una stagione come le altre, senza pandemia e con l'inizio del campionato a fine agosto, la finestra di calciomercato sarebbe stata quella dove i giocatori svincolati si sarebbero allenati nella rappresentativa Aic. Un lavoro atletico e tattico, seguiti da staff tecnico professionisti con preparatori e mister, con l'obiettivo di restare in forma aspettando la chiamata giusta. Il Covid e il nuovo calendario dei campionati di calcio ha cambiato tutto, ma non le offerte a parametro zero.

Qualche esempio? Chi cerca un attaccante esperto ad esempio potrebbe pensare a Giampaolo Pazzini, classe 1984, lasciato libero dall'Hellas Verona e con una carriera che parla di quasi 600 partite ufficiali e 190 gol segnati. In serie C c'è una corta serrata, ma occhio alle sirene dalla serie B. Se poi servissero anche assit e accelerazioni perchè non pensare José Callejon che dopo sette stagioni ha lasciato il Napoli. Ad oggi non filtrano particolari sulla prossima destinazione del 33enne se non che gli azzurri starebbero pensando di formulare un'offerta per riportarlo in rosa. Restando in tema attaccante ecco Fabio Borini, altro ex Hellas Verona, classe 1991, che si è appena diplomato. Poi c'è lui, il rimpianto di una buona parte di tifosi juventini: Mario Mandzukic, svincolatosi dall'Al Duhail e che piace anche alla Roma.

Niente male nemmeno il menù del centrocampo. Ad esempio c'è Borja Valero anche se l'ex Inter è ormai prossimo al ritorno in Toscana provando quindi a chiudere la carriera con la 'sua' Fiorentina. Strana situazione per Valter Birsa visto che  risulta in rosa a Cagliari ma di fatto può partire non appena riceverà la chiamata. Nell'elenco c'è anche l'ex Genoa Romulo.

Se può servire anche un portiere non va dimenticato Tommaso Berni (1983) che partito dall'Inter dopo un lungo giraovagare era tornato all'Inter, utile in quanto prodotto del vivaio. Dopo sei stagioni, zero presenze e due espulsioni ecco la separazione. Ripartire può essere difficile, ma Berni ha sempre avuto l'apprezzamento del club nerazzurro e nell'ambiente sapere che un calciatore può essere decisivo in campo e nello spogliatoio non è cosa da poco.

Continua a leggere su Today.it

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Quelle occasioni a parametro zero. Da Pazzini a Mandzukic le occasioni da valutare

Today è in caricamento