rotate-mobile
Martedì, 18 Gennaio 2022
Calcio

Serie B, Mancuso e Forte scaldano già il mercato

I bomber di Empoli e Venezia, entrambi a segno in Coppa Italia, nel mirino di alcuni club ambiziosi della cadetteria: Monza, Parma e Benevento in pole

Si avvicina il mercato di gennaio. In serie B è caccia al bomber. I sogni proibiti di molti club ambiziosi della cadetteria vengono dalla serie A. Su tutti, Leonardo Mancuso e Francesco Forte. Il primo, 29 anni, dopo aver segnato al debutto allo Stadium contro la Juventus, è uscito dalle rotazioni di Andreazzoli e non ha avuto più occasioni, ad eccezione di quella di Coppa Italia, a Verona, sfruttata segnando una doppietta. Mancuso in B ha già spinto verso la promozione i toscani (13 gol nel primo anno, 20 quello passato) e in precedenza aveva fatto sognare il Pescara (19 centri) arrivando ad una semifinale play-off nel 2019. Per vincere il torneo cadetto, l'attaccante milanese è un assegno in bianco.

lo sanno bene a Parma, dove lavorano sotto traccia per convincerlo a lasciare Empoli, anche in prestito, per rilanciare le ambizioni di Buffon e compagni nella seconda parte della stagione. Iachini vuole un cecchino in attacco per tentare l'assalto ai play-off. Occhio, però, anche al Monza di Stroppa, che un vero rapace d'area di categoria non ce l'ha, nonostante la striscia positiva arrivata a dieci partite. Un attaccante da A è l'obiettivo di gennaio, ora che è già ufficiale Gaston Ramirez, pronto proprio tra un mese per esordire con i brianzoli, ormai lanciatissimi verso la promozione diretta in A.

A Monza piace, non poco, anche Francesco Forte, bomber della promozione in A del Venezia, scalzato in questi mesi dall'esplosione dei vari Aramu, Okereke e Henry. Anche il Benevento è sulle sue tracce per fare un reparto da urlo assieme a Lapadula e Moncini.

Forte, 28 anni, ha giocato in Coppa Italia timbrando subito il cartellino. Da settimane si parla di lui como uomo mercato della B, ma l'ex attaccante della Juve Stabia ha già fatto sapere che intende giocarsi fino in fondo le sue chance nella rosa di Paolo Zanetti. Sarà difficile, però, immaginare altri sei mesi in panchina. Soprattutto di fronte ad una prospettiva concreta di lottare per la A in un progetto stimolante e fortemente ambizioso come quello del club della famiglia Berlusconi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Serie B, Mancuso e Forte scaldano già il mercato

Today è in caricamento