rotate-mobile
Lunedì, 6 Dicembre 2021
Calcio estero

Derby Hapoel-Maccabi, tifosi picchiano calciatori: 12 arresti

È finita male la stracittadina tra l'Hapoel e il Maccabi, squadre simbolo di Tel Aviv

Il derby d'Israele tra l'Hapoel e il Maccabi è stato sospeso per invasione di campo poco prima della fine del primo tempo. Tutto è cominciato al 33/esimo minuto quando un tifoso - i media sostengono fosse dell'Hapoel - è entrato in campo ed ha attaccato il giocatore Eran Zahavi del Maccabi.

Questi si è difeso, rispondendo con un calcio al tifoso ma l'arbitro lo ha espulso per doppia ammonizione. La decisione ha scatenato il putiferio in campo: Zahavi ha rifiutato di lasciare e il general manager del Maccabi Jordi Kruyff ha minacciato il ritiro dei propri giocatori. Il match è ripreso solo per pochi minuti, il tempo di vedere altri fan invadere il campo e attaccare giocatori e guardie di sicurezza.

"Ho suggerito all'arbitro - ha detto Eyal Berkowitz, manager sportivo dell'Hapoel, citato dai media - di sospendere la partita. Non è più sport, ma atmosfera di guerra". Sull'esito della partita sono arrivati duri commenti da parte dei politici a cominciare dal ministro della giustizia Tizpi Livni. I tifosi arrestati sono stati 12.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Derby Hapoel-Maccabi, tifosi picchiano calciatori: 12 arresti

Today è in caricamento