rotate-mobile
#EURO24
Euro 2024
Le protagoniste degli europei

Euro 2024, alla scoperta dell'Olanda: calendario partite, convocati, possibili sorprese e pronostici

La squadra "oranje", tra le outsider della manifestazione, è reduce dal quarto posto in Nations League e punta a migliorare il risultato degli Europei di tre anni fa, quando fu estromessa agli ottavi per mano della Repubblica Ceca

Non associabile all’elenco delle favorite alla vittoria finale, ma comunque a pieno titolo da inserire nella lista delle mine vaganti. L’Olanda indosserà i panni dell’outsider ad Euro 2024, puntando a fare strada con un cocktail di gioventù ed esperienza che dovrebbe anche compensare l’assenza di una prima punta di peso (complice anche la rinuncia a Zirkzee, reduce da un’eccellente stagione al Bologna). Nella Pool D gli “arancioni” troveranno come avversaria nuovamente la Francia, già incrociata nel girone di qualificazione, nel secondo incontro in programma alla Red Bull Arena di Lipsia il 21 giugno 2024. Prima ci sarà l’esordio nella manifestazione contro la Polonia ad Amburgo (il pomeriggio del 16 giugno) e quindi l’ultimo impegno all’Olimpico di Berlino contro l’Austria, il 25 giugno.

La storia

Undicesima partecipazione per l’Olanda alla fase finale dei campionati europei, vinti una volta nel 1988 grazie al 2-0 in finale alla Russia con il secondo da cineteca di Marco Van Basten, il quale quattro anni dopo commise l’errore dal dischetto nella lotteria dei rigori che costò l’eliminazione in semifinale contro la Danimarca, poi vincente. La squadra orange arrivò tra le prime quattro anche nel 2004, quando fu fermata ad un passo dal match per il titolo dai padroni di casa del Portogallo, poi piegati di misura dalla Grecia che si issò sul tetto del vecchio continente. Hanno fatto quindi seguito edizioni meno fortunate, con addirittura la mancata qualificazione a Euro 2016, nonostante gli exploit ai Mondiali (finale persa nel 2010 ai supplementari contro la Spagna e bronzo nel 2014 grazie alla vittoria nella finalina contro i padroni di casa del Brasile, seguente alla sconfitta ai rigori in semifinale contro l’Argentina): si punta pertanto a migliorare l’obiettivo di tre anni fa, quando il cammino si interruppe agli ottavi per mano della Repubblica Ceca.

Come si è qualificata

La Pool B nella quale era stato ricompresa l’Olanda ha riservato in pratica solo gioie, fino a quando non si è presentata davanti la Francia vicecampione del Mondo. Nel cammino verso la Germania hanno infatti preso forma sei vittorie contro Gibilterra, Grecia ed Irlanda (con cinque clean sheet e sedici reti realizzate) e le due battute d’arresto contro la nazionale transalpina, 0-4 allo Stade de France e 1-2 all’Amsterdam Arena. Nel mezzo, l’accesso alla Final Four dell’ultima Nations League, che la selezione orange ha chiuso ai piedi del podio dopo aver perso la semifinale ai supplementari contro la Croazia ed il match con il palio il bronzo contro gli azzurri.

L’allenatore

?Il secondo regno di Ronald Koeman, 61 anni come c.t. è cominciato il 1° gennaio del 2023, avvicendando sulla panchina della nazionale Louis Van Gaal che aveva guidato gli Oranje a Qatar 2022. È infatti la seconda esperienza del “Rambo” di Zaandam come timoniere della selezione del suo paese: la prima avventura si era conclusa nell’estate 2020 con il secondo posto in Nations League (sconfitta in finale con il Portogallo) e la qualificazione come seconda nel girone eliminatorio agli Europei 2021. Quindi, dopo il fallimentare inizio di seconda stagione come allenatore del Barcellona (dieci punti in 15 gare e doppia cocente sconfitta in Champions contro Bayern Monaco e Benfica), arriva la chiamata della nazionale che lo porta ad assumere nuovamente l’incarico di commissario tecnico. In un anno e mezzo centra il quarto posto finale nell’ultima Nations League ed una tutto sommato agevole qualificazione ad Euro 2024. Come schemi di gioco è passato con disinvoltura dalla difesa a quattro con un 4-2-3-1 ad un schieramento con retroguardia a tre e tridente d’attacco.

Le stelle

Tra gli elementi più attesi (dopo essere stato solo una comparsa a Qatar 2022) spicca Xavi Simons, folletto di Amsterdam già capocannoniere della passata Eredivisie e con un bottino di nove reti e 15 assist nell’ultima Bundes giocata con il Lipsia, fruibile sia tra le linee che come esterno offensivo. Stessa versatilità del suo collega di reparto Cody Gakpo, che quest’anno ha spaziato su tutto il fronte offensivo dei “Reds” garantendo quindici gol. La solidità difensiva dovrebbe essere garantita da capitan Van Dijk e Nathan Aké (colonne di Liverpool e City in Premier) a cui si aggiungono anche De Ligt e De Vrij, mentre a centrocampo - dove Ryan Gravenberch si candida ad un posto fisso nell'undici titolare - ha alzato bandiera bianca il dominante Frankie De Jong, restato ai box con una caviglia in disordine. Discorso a parte merita Jeremie Frimpong, sul versante destro della nazionale orange generalmente si muove Dumfries, ma dopo la stagione dell’esterno di origine ghanese con la maglia del Leverkusen (con la quale ha toccato quota 14 reti e 12 assist), ignorarlo come successo durante le qualificazioni alla kermesse continentale (due convocazioni appena e 28’ minuti di utilizzo) potrebbe essere un peccato tutt’altro che veniale. Per la scommessina sulla rivelazione, un euro su Brian Brobbey, ventiduenne attaccante e unica nota lieta – sotto forma di gol a raffica – nella fallimentare stagione dell’Ajax.

I convocati

Portieri: Justin Bijlow (Feyenoord), Mark Flekken (Brentford), Bart Verbruggen (Brighton).

Difensori: Nathan Aké (Manchester City), Daley Blind (Girona), Virgil van Dijk (Liverpool), Denzel Dumfries (Inter), Jeremie Frimpong (Bayer Leverkusen), Lutsharel Geertruida (Feyenoord), Matthijs de Ligt (Bayern Monaco), Micky van de Ven (Tottenham), Stefan de Vrij (Inter).

Centrocampisti: Ryan Gravenberch (Liverpool), Tijjani Reijnders (Milan), Jerdy Schouten (PSV), Joey Veerman (PSV), Georginio Wijnaldum (Al-Ettifaq).

Attaccanti: Steven Bergwijn (Ajax), Brian Brobbey (Ajax), Memphis Depay (Atletico Madrid), Cody Gakpo (Liverpool), Donyell Malen (Borussia Dortmund), Xavi Simons (Lipsia), Wout Weghorst (Hoffenheim).

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Euro 2024, alla scoperta dell'Olanda: calendario partite, convocati, possibili sorprese e pronostici

Today è in caricamento