Giovedì, 28 Ottobre 2021

F1, perché il Gp di Imola fino al 2025 può far volare l'economia

Il circuito Enzo e Dino Ferrari di Imola entra stabilmente nel calendario del Mondiale di F1. Sarà un appuntamento fisso dal 2022 al 2025. Un premio giusto e meritato per il tracciato in riva al Santerno, dedicato al Drake e al suo figlio tanto amato e prematuramente scomparso. Un riconoscimento all’aiuto che Imola, l’Emilia Romagna e l’Italia hanno offerto al management della Formula 1 e agli appassionati di tutto il mondo, garantendo lo svolgimento di due edizioni importanti, nel calendario iridato 2020 e 2021,  che hanno assicurato lo svolgimento di due campionati in cui si è dovuto fare i conti con la pandemia.

Per questo, le edizioni che si sono svolte a novembre 2020 e a aprile 2021 sono state, purtroppo, due edizioni esclusivamente televisive, senza il pubblico. Ma in fondo al tunnel inizia a vedersi una luce sempre più forte e, come si erano augurati il presidente della Regione Emilia Romagna Bonaccini e il Ministro degli Esteri Di Maio, che avevano lavorato in sinergia per la riuscita del Gran Premio dell’Emilia Romagna e del Made in Italy, si sono poste le basi per rendere Imola un appuntamento fisso per la F1.

La F1 correrà a Imola nel 2022 e nei tre anni successivi fino al 2025. Mario Draghi ha dato mandato all'Aci perchè sottoscrivesse l'accordo con Formula One. Verranno investiti 20 milioni di euro all'anno, 80 milioni in 4 anni.

La Regione Emilia-Romagna ha reso noto le cifre dell'investimento.  Si tratta di un impegno annuale di 20 milioni di euro: 12 saranno assicurati dall'Esecutivo nazionale (7 dal ministero degli Affari esteri e dall’Ice, l’Istituto per il commercio estero, e 5 dal ministero dell’Economia e delle Finanze), 5 dalla regione , 2 milioni dal Con.Ami di Imola e 1 milione dall’Aci.

Un’intesa importantissima sia sul fronte sportivo che sul fronte economico. I tifosi nei prossimi anni torneranno a prendere posto sulle tribune dell’Autodromo e potranno festeggiare anche per la rinascita e per la ripresa del territorio.

Sarà una grande occasione per attrarre sempre più visitatori nella Motor Valley. Ferrari, Ducati, Maserati, Lamborghini, Pagani, Dallara, giusto per citare alcuni dei nomi più importanti, hanno segnato la storia sportiva ma sono soprattutto un simbolo della grande impresa italiana.

Questo accordo farà sfrecciare i bolidi della F1 in pista, ma sarà soprattutto un’occasione per fare da volano per l’economia grazie alle enormi potenzialità della 'Terra dei Motori'.

Si parla di
Sullo stesso argomento

F1, perché il Gp di Imola fino al 2025 può far volare l'economia

Today è in caricamento