Martedì, 22 Giugno 2021
Formula 1

Formula 1, calendario 2021: 23 Gp in tutto il mondo, le prime indiscrezioni sulla prossima stagione

La stampa tedesca parla di un incontro a Portimao tra il management della F1 e i boss dei team. La speranza è quella di poter correre in tutto il mondo e che l’emergenza Covid sia alle spalle

Ferrari/ANSA

Improvvisazione, prontezza e organizzazione. In questo modo il management della Formula 1 e la Fia hanno fronteggiato tutte le difficoltà dovute alla pandemia riuscendo nel loro scopo: garantire il regolare svolgimento del campionato del mondo di Formula 1. Le imprese di Lewis Hamilton, che ha raggiunto le 92 vittorie in carriera, superando Michael Schumacher e diventando il pilota con più vittorie nella storia della F1, hanno reso storica questa annata anche sul piano sportivo. Ora, però, per gli organizzatori del campionato è tempo di pensare alla stagione 2021.

L’obbiettivo, anche se la prima parte di stagione potrebbe essere ancora sotto la pressione del Covid-19, è quello di tornare ad un calendario globale come quello che era stato stilato per il 2020 prima dell’emergenza pandemica. L’autorevole sito tedesco ‘Auto Motor Und Sport’ parla di un incontro che sarebbe avvenuto a Portimao, a cui erano presenti il management di Liberty Media, Chasey Carey, Ross Brawn e il futuro presidente Stefano Domenicali, i boss dei team di F1 ed il presidente della FIA Jean Todt per discutere del calendario per la stagione 2021.

F1 2021: Le prime indiscrezioni sul calendario

Il campionato dovrebbe ricominciare come da tradizione dal Gran Premio d'Australia all'Albert Park di Melbourne, che sarebbe in programma per il 21 marzo. La settimana successiva si dovrebbe correre in Bahrain, per poi volare in Cina (11 aprile) e in Vietnam, una destinazione che però è a rischio a causa dell'instabilità politica.

La prima gara europea sarebbe in Spagna, il 9 maggio al Montmelò, seguita dal ritorno nel Principato di Monaco e dalla trasferta a Baku per il Gp dell'Azerbaigian. Nella prossima stagione si tornerebbe anche in Canada, a Montreal, per poi tornare in Europa per quattro gare prima della pausa estiva: Francia, Austria, Inghilterra, Ungheria.

Sono poi in programma due interessanti triplette: la prima vedrà i piloti impegnati a Monza, Zandvoort e Spa, mentre la seconda li vedrà protagonisti tra Singapore, Suzuka e Sochi.

L'ingresso dell'Arabia Saudita porterebbe il calendario 2021 del Mondiale di F1 a 23 gare. La speranza è che sia il primo campionato post-Covid altrimenti, come avrebbe ammesso uno dei team principal al sito tedesco, “rischieremo di finire tutti al verde”.

In realtà, anche se non fosse stato trovato un vaccino per allora, secondo quanto riportato dal sito tedesco, il management della F1 avrebbe ottenuto da parte di tutti i paesi la promessa che l'entourage potrà entrare a condizioni speciali ed i test rapidi potranno essere utilizzati per identificare le infezioni individualmente in qualsiasi momento.

Il management con questa ricca bozza di calendario si è lasciato uno spazio sufficiente per poter tagliare alcune gare in caso di problemi e per sostituirle, come quest'anno, con nuove location che dimostrano di avere interesse per la F1.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Formula 1, calendario 2021: 23 Gp in tutto il mondo, le prime indiscrezioni sulla prossima stagione

Today è in caricamento