Sabato, 6 Marzo 2021

De Laurentiis scarica Sarri: "Noi ad aprile già spompati, valutiamo possibili sostituti"

Il dopo-Sarri è già iniziato secondo qualcuno. "È dallo scorso ottobre - ammette il presidente nell'intervista alla Gazzetta - che stiamo valutando una serie di tecnici, abbiamo visto gente in Portogallo, Spagna, Francia, Germania, Russia e anche in Italia"

Più che un'intervista, un missile terra-aria. E' destinata a lasciare un segno profondo nel presente e nel futuro prossimo del Napoli l'intervista rilasciata dal presidente Aurelio De Laurentiis alla Gazzetta dello Sport. Dopo settimane di polemiche, il patron pur criticando l'operato arbitrale riserva le parole più severe a Maurizio Sari, quasi a sorpresa. E parla già persino di possibili sostituti.

A chi gli chiede se l'arbitraggio di Orsato in Inter-Juventus abbia  influenzato mentalmente il Napoli che è sceso in campo con la Fiorentina, risponde così: "Non credo. Credo a un’altra cosa: all’inizio dell’anno abbiamo dovuto anticipare il ritiro perché avevamo un preliminare Champions e questo vuol dire che finirai prima il tuo carburante. A meno che tu non adoperi tutti i giocatori della rosa che hai... Ecco, si poteva prendere fiato in certi momenti della stagione, per preparare meglio il rush finale. Ma se giochi sempre con gli stessi... Insomma, se noi non avessimo avuto infortuni come quello di Ghoulam avremmo mai scoperto uno come Mario Rui che, a parte gli errori catastrofici fatti con la Roma, è stato molto bravo? Ma se mi fai giocare sempre gli stessi...".

Allenatore Napoli 2018-2019: chi arriva (se Sarri va via)

Non è la prima volta che De Laurentiis appare indispettito per il mancato utilizzo di tutti gli uomini della rosa. Poi si torna a parlare di arbitri. Campionato falsato? "Io non credo. Sabato sono successe tante cose, perché ci possono essere state anche delle scelte dell’allenatore dell’Inter non condivisibili ad aver deciso il risultato... ultimi cinque minuti ha fatto due cambi, ha fatto uscire Icardi, i giocatori sono entrati a freddo e chi è entrato non ha mai la stessa tensione di chi esce?".

Il dopo-Sarri è già iniziato secondo qualcuno. "È dallo scorso ottobre - ammette il presidente - che stiamo valutando una serie di tecnici, abbiamo visto gente in Portogallo, Spagna, Francia, Germania, Russia e anche in Italia se si volesse continuare col modulo ci sarebbe Giampaolo. Se si volesse spingere sull’acceleratore e prendere un innovatore con variabili possibili di gioco, potrebbe esserci Simone Inzaghi. A Spalletti non ci ho mai pensato se non tre anni fa, ma era incasinato con lo Zenit.

"Conte? È un amico, un bel colonnello che non fa fiatare più nessuno e che detta regole particolari"

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

De Laurentiis scarica Sarri: "Noi ad aprile già spompati, valutiamo possibili sostituti"

Today è in caricamento