Domenica, 7 Marzo 2021

Sarri finalmente racconta tutto: ecco la verità sul suo addio al Napoli

Maurizio Sarri parla di come ha scoperto del suo esonero ("grazie alla tv"), di Higuain ("Da Napoli è andato via per colpa di De Laurentiis") e del suo futuro ("un giorno spero di tornare")

ANSA

Certi amori non finiscono, fanno dei giri immensi e poi ritornano. Lo cantava Venditti in "Amici mai", e certo non si sono lasciati da buoni amici Maurizio Sarri e Aurelio De Laurentiis. Ma per il futuro un ritorno a Napoli l'attuale tecnico del Chelsea, che parla per la prima volta apertamente di quanto accaduto, non lo esclude affatto. 

Maurizio Sarri parla del suo addio al Napoli, di come ha scoperto del suo esonero ("grazie alla tv") ina lunga intervista rilasciata a Il Mattino  "C'erano dei motivi per i quali volevo restare a Napoli e c'erano anche delle perplessità. Una sera ne stavo parlando con l'assistente di Giuntoli. C'era una clausola con scadenza 31 maggio. Ma quella sera, era il 21 maggio, ho acceso la tv e ho visto Ancelotti che entrava alla Filmauro: l'ho scoperto così. Non so perché non alleno più il Napoli" dice Sarri.

La tensione che si era creata con il presidente del Napoli non è un segreto: "Devo ringraziarlo perché mi ha fatto allenare la mia squadra del cuore e se sono al Chelsea è perché ho guidato il Napoli. Ma il De Laurentiis al quale voglio bene è sicuramente Edoardo, figlio di Aurelio". Su Higuain: "Era già un campione affermato e si è sempre messo a disposizione. Non è vero che ha tradito Napoli, è andato via perché il presidente era Aurelio De Laurentiis".

Sullo scudetto svanito lo scorso anno dopo la sconfitta a Firenze (e dopo Inter-Juventus 2-3): "Sarebbe stato il coronamento di una storia straordinaria, in ogni istante rivivo quei momenti. Hanno fatto tanta ironia sulle mie parole, ma chi sa di sport è consapevole del fatto che abbiamo perso lo Scudetto in albergo. La sconfitta di Firenze è stata la conseguenza di quanto successo la sera prima a San Siro".

Infine un messaggio alla sua ex squadra: "È successo tutto in fretta, voglio dire loro che sono ragazzi straordinari che continuando così potranno riuscire a coronare il sogno sfiorato assieme. Un giorno tornerò? Lo spero. Può essere l'obiettivo: concludere la carriera al Napoli".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sarri finalmente racconta tutto: ecco la verità sul suo addio al Napoli

Today è in caricamento