Lunedì, 18 Ottobre 2021
Inchieste

Morte Pantani, nuova inchiesta: niente overdose ma omicidio volontario

Ad annunciare l'apertura dell'inchiesta un post su Facebook di mamma Tonina "a 16 anni dalla vittoria del Tour de France". Le indagini affidate al pm Milocco della procura di Rimini. Le prove nelle indagini difensive

Con un post su Facebook, evidentemente scritto di getto, mamma Tonina, la madre di Marco Pantani, ha dato l'annuncio dell'apertura di un'inchiesta sulla morte del "Pirata". La tesi: non fu overdose ma omicidio volontario.

Schermata 08-2456872 alle 10.53.06-2

Proprio così. A distanza di 16 anni dalla vittoria del Tour de France, la procura di Rimini ha riaperto il caso sulla morte del campionissimo. Per il procuratore Paolo Giovagnoli non si tratterebbe più di "morte come conseguenza accidentale di overdose" ma di "omicidio volontario". 

Come riporta Repubblica, "il fascicolo è stato affidato al pm Elisa Milocco ed è coperto, comprensibilmente, dal segreto più assoluto. Di quell'incartamento nei corridoi roventi della procura, si sa solo che è stato iscritto nel registro delle notizie di reato, e che non ci sono persone indagate, ma è presumibile che molto presto ce ne saranno". 

Per la difesa, scrive la Gazzetta dello Sport nella sua edizione di oggi, Pantani conosceva gli assassini, sarebbe stato anche picchiato e la stanza "alterata" per simulare il delirio da stupefacenti. Secondo la ricostruzione il Pirata avrebbe passato gli ultimi minuti della sua vita in una stanza d'albergo, ma non da solo, come fino a oggi ha affermato la verità processuale, e in preda alle allucinazioni per l'overdose letale di cocaina. "Pantani avrebbe aperto la porta al suo assassino (o agli assassini), lo conosceva, forse si fidava. Ma presto la situazione sarebbe diventata incontrollabile. Per ben due volte il romagnolo chiama la reception, chiedendo addirittura l'intervento dei carabinieri (un doppio Sos prima ignorato e poi sottovalutato), circostanza appurata anche 10 anni fa. La lite verbale sarebbe presto degenerata, sfociando in un'aggressione. Pantani potrebbe essere rimasto ferito in più punti del corpo, prima di soccombere: stordito, sarebbe diventato una preda facile".

QUI I PARTICOLARI DELLA PERIZIA

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morte Pantani, nuova inchiesta: niente overdose ma omicidio volontario

Today è in caricamento