Mercoledì, 12 Maggio 2021
MOTOGP QATAR/ i top e flop

MotoGp Qatar: i top e i flop della prima gara dell'anno

Il primo round del campionato ha sorriso a alcuni protagonisti, mentre è stato decisamente amaro per altri

Maverick Vinales/ Yamaha Motor Racing

Pronti via ed è subito bagarre. C'è chi è andato a dormire nella notte di Doha con un sorriso largo così e chi invece è pieno di comprensibile delusione e non vede l'ora di rifarsi nella gara in programma sulla stessa pista tra una settimana. Ecco i top e i flop della prova inaugurale della stagione della MotoGp 2021, il Gran Premio del Qatar 2021.

Vinales vince il Gran Premio del Qatar, Bagnaia 3°

MotoGp: I top del Gran Premio del Qatar

Maverick Viñales: il pilota spagnolo della Yamaha, in netta crescita, guida la rimonta della casa di Iwata e riesce ad avere la meglio sulle Ducati che erano state protagoniste della prima parte di gara e godevano dei favori del pronostico visti anche i successi ottenuti in passato su questa pista.  Una vittoria d’autorità, ottenuta rifilando più di 1 secondo al primo degli inseguitori. Maverick vince e convince, anche nel duello interno con il giovane compagno di team Quartararo: ora deve trovare la continuità.

Johann Zarco: una performance semplicemente strepitosa. Il pilota del team Pramac è sempre nel vivo dell’azione. Nel finale riesce anche a scavalcare il pole-man di giornata, Pecco Bagnaia, in sella alla Ducati ufficiale. Un secondo posto che ha grandissimo valore, un'iniezione di fiducia personale e per tutto il team di Francesco Guidotti.

Francesco Bagnaia: il pilota torinese, al suo esordio in sella alla Ducati ufficiale, è magnifico nella giornata di sabato, quando conquista la pole e mostra tutto il suo talento anche domenica in gara. Forse penalizzato dalle condizioni mutevoli di vento e freddo, non riesce ad andare via subito come avrebbe sperato. Nel finale prova a resistere al ritorno dello scatenato Viñales, poi sfruttando il motore della Ducatona, propria come Zarco, riesce a scavalcare Mir sul rettilineo finale e a prendersi il primo podio con la Rossa. Un inizio davvero molto promettente. Domenica, nella seconda gara in Qatar, punta ancora più in alto ed è già tra i protagonisti più attesi.

Joan Mir: Mai sottovalutare il campione del mondo. Il pilota spagnolo ancora una volta mette in scena la specialità della casa: la rimonta. Dopo l’anonima qualifica recupera posizione su posizione, portando la sua Suzuki, all’ingresso del rettilineo di Doha, in seconda posizione. Stavolta i cavalli della Ducati lo fanno scendere dal podio. Ma Mir si piazza subito bene e l’anno scorso, piazzamento dopo piazzamento, podio dopo podio, ha vinto un Mondiale. La concorrenza è avvisata.

Enea Bastianini: l'anno da rookie è sempre difficile, figuriamoci la prima gara in carriera in MotoGp. Ma Enea Bastianini, campione del mondo 2020 in Moto2, sembra nato per stupire. Così porta subito la sua Ducati del team Esponsorama in decima posizione. Se questo è l'inizio...

MotoGp: i Flop del Gran Premio del Qatar

Honda

Tra le note dolenti della giornata c'è sicuramente la Casa dell'Ala d'Oro. L'ottavo posto di Pol Espargarò e l'11esimo di Bradl, pur da elogiare visto il ruolo impossibile di sostituto di Marquez, sono decisamente troppo poco. Al team satellite LCR è andata ancora peggio con le cadute di entrambi i piloti, Alex Marquez e Takaaki Nakagami. Serve una riscossa, urge il rientro di Marquez.

Ktm

Il tanto atteso salto di qualità nella prima gara non si è proprio visto. Petrucci putroppo cade subito e si ritira, Binder e Oliveira scivolano nell'anonimato del centro gruppo in 13 esima e 14esima posizione. Ancora più indietro lo spagnolo Lecuona. Dopo le ambizioni dichiarate durante la presentazione dalla Ktm ci si aspettava tutt'altro risultato. Per fortuna la stagione è ancora lunga.

Jack Miller

Il lampo nei test si è decisamente ridimensionato in gara. Zarco, con la Ducati Pramac e il compagno di team Bagnaia là davanti sono sempre protagonisti e alla fine guardano tutti dall'alto podio. L'australiano, invece, porta la sua Ducati soltanto in nona posizione con tanti rimpianti e altrettanta voglia di rifarsi già domenica.

Rossi e Morbidelli

Dal Maestro e dall'allievo ci si aspettava decisamente di più. L'ottimo quarto posto in qualifica di Valentino e il settimo di Franco, unite alla sensazione di una Yamaha finalmente consistente, avevano orientato i pronostici della vigilia in una direzione decisamente più ottimista. Il Dottore, dopo una buona partenza, ha iniziato a soffrire per problemi di gomme, soprattutto al posteriore. Morbidelli, penalizzato da un problema tecnico sulla griglia di partenza non è mai stato in partita e ha corso solo per accumulare dati utili per essere competitivo la prossima settimana. La MotoGp, infatti, non si ferma. Giusto qualche giorno di riposo poi di nuovo tutti in pista. Domenica si disputerà la seconda attesissima gara sul tracciato di Losail.

Qui trovate il calendario completo con tutti gli appuntamenti della stagione della MotoGp

Continua a leggere su Today.it

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

MotoGp Qatar: i top e i flop della prima gara dell'anno

Today è in caricamento