Giovedì, 22 Aprile 2021
MOTOGP

Jorge Lorenzo senza peli sulla lingua: dopo Doha critica Rossi e Miller e esalta Martìn

Il cinque volte campione del mondo sul suo canale YouTube ‘99Seconds’ commenta il Mondiale. Analizzando la seconda prova del campionato valuta negativamente le prove di Valentino e dell’australiano della Ducati, mentre esalta il talento del connazionale Martìn

jorge lorenzo/ANSA

Bandiera a scacchi per il secondo round del Mondiale ed arrivano puntuali i giudizi di Jorge Lorenzo. Il cinque volte campione del mondo, tre volte campione iridato in MotoGp, è sempre più lanciato nel ruolo di opinionista. Prima del via del campionato stava trattando con alcune emittenti televisiva. Poi ha deciso, per ora, di mettersi in proprio. Sui social e sul suo canale YouTube ’99 Seconds’ si lancia in pronostici ed esprime giudizi. In questo fine settimana aveva predetto la possibile pole del connazionale Martìn. Vedendo più lontano di tutti i quotisti.

MotoGp Doha, l’opinione di Lorenzo su Rossi

Dopo il Gran Premio di Doha, Jorge ha espresso la sua delusione per la gara di Valentino Rossi.  Il secondo fine settimana qatariota di Valentino è stato un vero incubo. 21esimo nelle qualifiche, 16 esimo in gara. Un vero disastro. Rossi ha deluso me, proprio come i tifosi. Ci si aspetta sempre molto da Valentino, ma fare 21esimo nelle qualifiche...Ha detto che c'erano alcune qualifiche peggiori nella sua carriera, ma è difficile trovarle. Domenica è finito fuori dalla zona punti. Difficile trovare una sua gara senza una caduta o una rottura del motore fuori dalla zona punti ".

Poi, Lorenzo ha fatto la seguente conclusione: "E 'la seconda volta che è molto lontano dagli altri piloti Yamaha. Speriamo sia un'occasione particolare. Il Qatar non gli è mai piaciuto troppo: ci sono circuiti che sono migliori per lui. Non so se migliorerà a Portimao, che è difficile anche per lui. Ma sono certo che a Jerez vedremo un Rossi più forte ".

MotoGp Doha: i top e flop

MotoGp Doha, l’opinione di Lorenzo su Miller

Lorenzo ha criticato anche il comportamento dell’australiano della Ducati Jack Miller. Il pilota della Rossa, molto nervoso in quella fase di gara, dopo un sorpasso aggressivo subito da Mir è andato a cercare il campione del mondo e i due si sono toccati a quasi 200 all’ora sul rettilineo finale. Una manovra che da molti, tra cui Lorenzo, è stata giudicata intenzionale, scorretta e molto pericolosa.

“Sarebbe potuto finire molto male in due occasioni, ma grazie a Dio non è successo niente. Jack non è stato fortunato secondo me ", ha sottolineato il '99'.

MotoGp Doha, l’opinione di Jorge Lorenzo su Martín

“È nata una stella. Questi risultati si ottengono in MotoGp quando si fanno cose importanti, quando si conquistano pole position, vittorie o campionati. Jorge ha già iniziato a farli dopo la sua seconda gara in MotoGP. È solo questione di tempo e otterrà la sua prima vittoria ", ha pronosticato Lorenzo.

Il pluricampione iberico, che correva nel Mondiale con il numero 99, si è lanciato in un interessante parallelismo alla ricerca delle similitudini tra il nuovo talento di Madrid, classe 1998, e alcuni nomi gloriosi del passato.

"Jorge Martín mi ricorda molto tre piloti. Da un lato, Capirossi…non è molto alto come Loris, ma è molto forte, molto muscoloso, ed è come un 'pitbull' molto forte. In frenata mi ricorda Stoner per la sua aggressività e perché frena molto tardi lasciando i freni in modo molto deciso come faceva Casey. Assomiglia anche un po' a me per via della sua postura a metà curva, che scende molto toccando con il gomito e la spalla”.

Continua a leggere su Today.it

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Jorge Lorenzo senza peli sulla lingua: dopo Doha critica Rossi e Miller e esalta Martìn

Today è in caricamento